Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Foti: “Lascio la Reggina in buone mani. Gli australiani gente seria e capace”

Foti: “Lascio la Reggina in buone mani. Gli australiani gente seria e capace”

di Michele Favano – Due milioni subito per salvare la Reggina. Due milioni per mettersi alle spalle tutte quelle pendenze che oggi non consentirebbero alla società di potersi iscrivere al prossimo campionato. Poi la pianificazione di un progetto di rilancio che il presidente Foti ha già esposto ai suoi interlocutori in fase di trattativa e l’idea di riportare la Reggina tra i cadetti con una programmazione triennale. In mezzo quel debito definito e spalmato attraverso la ristrutturazione che la società futura dovrà impegnarsi a pagare per i prossimi quindici anni. E’ arrivato il mese che andrà a decidere il futuro degli amaranto, tra cessione del pacchetto di maggioranza, scadenze per quello che riguarda la partecipazione alla prossima Lega Pro, scenari che potrebbero essere stravolti. Il presidente Foti, che ha già ampiamente ribadito la sua volontà a lasciare, definendo il suo lunghissimo percorso al capolinea, lavora su più fronti. Il primo appuntamento, sede non precisata, proprio con la cordata di australiani, con un entusiasmo che negli ultimi giorni sembra sia stato ritrovato, dopo un periodo in cui la trattativa appariva in preoccupante fase di stallo. Ci spera il massimo dirigente, ritiene il gruppo di imprenditori affidabile e garanzia assoluta per la vita futura della Reggina Calcio. “Gente capace ci ha detto, persone serie e dalle grandi ambizioni, consegnare a questi soggetti la società mi renderebbe felice e farebbe stare più che tranquilli i nostri tifosi”. Da uomo di calcio esperto, però, sa bene che nulla può esser dato per scontato e lavora anche su possibili alternative, ben consapevole della ristrettezza dei tempi e della necessità di non poter andare oltre la metà di questo mese. Giorni per lui frenetici, ma la pressione e la tensione, dato più volte accertato, lo hanno portato spesso a dare il meglio. Messa alle spalle la stagione più difficile della sua gestione e scongiurato il pericolo di ritrovarsi tra i dilettanti, si è rimesso in moto con spirito battagliero ed un entusiasmo che sembrava aver perso definitivamente. Nel frattempo la tifoseria attende leggermente più fiduciosa rispetto al recente passato, mentre lo stesso Foti invita la stampa a seguire la vicenda con attenzione ma non in maniera morbosa, lasciando intravedere ottimismo.