Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Talento e sfacciataggine: Insigne vuole entare nella storia amaranto…

Talento e sfacciataggine: Insigne vuole entare nella storia amaranto…

Da reietto a Re ? Non semplice l´avventura in amaranto di Roberto Insigne, vissuta tra i comuni alti e bassi che la giovane etá impone. Il carattere é di quelli decisi, la consapevolezza di dover reagire agli eventi avversi evidentemente é un marchio di famiglia. “I tifosi del Messina? Non mi fanno né caldo ne freddo. Sono uscito zoppicando perché da vero napoletano dovevo perdere tempo” le ultime dichiarazioni rilasciate sono forse prive di diplomazia ma non certo di coraggio e sfacciataggine.  Scintillante l´avvio di campionato di Insigne, poi le prime difficoltá, abbinate a quelle di una squadra che aveva smarrito l´identitá mostrata nelle prime giornate. I problemi si sono spostati fuori dal campo, nel rettangolo verde invece il talento campano é quasi sempre stato tra i migliori. Qualche dichiarazione sopra le righe, l´esilio che sembrava dover fare da prologo a un addio anticipato. Bravo Foti nella circostanza a non  mollare, conscio delle qualitá del giocatore, difficilmente reperibili altrove in Lega Pro.

Dopo qualche frizione iniziale, il gruppo di ´veterani´ arrivato a gennaio ha accolto e sostenuto Insigne, tornato punto di riferimento nelle ultime giornate di campionato. Dai fischi agli applausi, il passo puó essere molto breve. La pregevole e importantissima rete messa a segno nello spareggio di andata ha sancito la definitiva pace tra la punta scuola Napoli e i tifosi amaranto, adesso manca soltanto l´ultimo atto. Al San Filippo, in una giornata triste per la Reggina, nettamente battuta, é riuscito ugualmente a lasciare il segno con un magistrale calcio piazzato. Sabato il ritorno sull´altra sponda dello Stretto: se dovesse rivelarsi nuovamente decisivo per le sorti della Reggina, Insigne entrerebbe a pieno titolo (e con pieno merito) nelle pagine piú belle della storia amaranto…