Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Messina-Reggina a porte chiuse? Accorinti assicura massimo impegno a Falcomatà

Messina-Reggina a porte chiuse? Accorinti assicura massimo impegno a Falcomatà

C’è il rischio porte chiuse per Messina-Reggina, lo  minaccia il Prefetto se non ci saranno tutte le condizioni perchè i tifosi della Reggina vengano trasportati in massima sicurezza da Tremestieri allo Stadio San Filippo.

Manca l’accordo tra la società peloritana e l’Atm, dato che il Messina non vorrebbe impegnarsi a versare la cauzione necessaria a coprire eventuali danni ai bus.

Se la situazione non dovesse sbloccarsi, i biglietti potrebbero non essere mai venduti e mancano già solo quarantotto ore al derby.

La soluzione potrebbe essere rappresentata da un’eventuale presa in carico da parte del Comune di Messina della cifra richiesta dalla società di trasporti messinese (circa 500 euro per ogni pullman utilizzato e dovrebbero essere 10) o da una divisione delle spese con il Messina.

La sensazione è che, visto l’eventuale e cospicuo incasso, non avrebbe senso non trovare un’intesa per disperdere i probabili 6900 spettatori paganti (capienza massima consentita per il San Filippo).

I due sindaci Falcomatà e Accorinti si sono sentiti e il primo cittadino peloritano ha rassicurato il collega che si sta facendo il massimo perchè possa andare in scena una festa di sport senza eguali per la Lega Pro.

Ala fine è probabile che sarà  proprio il Comune  a scongiurare la sconfitta del calcio.

Il Gos in Prefettura è previsto per domani mattina e, almeno in linea teorica, fino ad allora potrebbe non esserci opportunità per far partire la prevendita, ma se in realtà dovesse essere trovato un accordo prima con un po’ di buonsenso si potrebbe partire nelle prossime ore.

I disagi sarebbero soprattutto per i tifosi amaranto che potrebbero acquistare i biglietti nella sola giornata di domani, non essendo possibile acquistarli il giorno della partita.