Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Messina:giallorossi favoriti, gli amaranto provano a cambiare la storia

Reggina-Messina:giallorossi favoriti, gli amaranto provano a cambiare la storia

di Pasquale De Marte – Forse oltre diecimila spettatori per una partita di Serie C con vista sulla D. Un popolo che, nonostante sia passato in un lustro dalla A alla fondo della Lega Pro, riesce ancora ad emozionarsi per la propria maglia. Ex  che provano a caricare un ambiente già elettrico e la possibilità di giocarsi tutto nella madre delle partite, dopo che ogni cosa sembrava sportivamente perduta.

Tutto molto bello.  Forse anche troppo, perchè adesso viene il difficile. Il colpo d’occhio che offrirà il Granillo avrà poco da spartire con la categoria, ma subito dopo toccherà alla squadra offrire uno spettacolo all’altezza.

Ci sono treni che passano una volta sola e altri che si ripresentano, anche se hai fatto di tutto perderli. E l’ultimo a disposizione della Reggina potrebbe cancellare con un colpo di spugna gran parte delle delusioni collezionate dei tifosi in questa stagione.

Il Messina varcherà lo Stretto da favorito, se non altro perchè basterà pareggiare il conto dei gol nei centottanta minuti per avere ragione dei rivali amaranto.

Ma è presto per i calcoli, soprattutto perchè il terzo capitolo stagionale della sfida eterna tra le due sponde dello Stretto avrà una storia a parte.

Soprattutto la Reggina, beffata dal gol di Orlando al Granillo dopo aver dominato la sfida e umiliata al San Filippo (4-1) quando si presentò con un ’97 e un ’95 in campo e alcuni nuovi arrivati inattivi da mesi, avrà voglia di dimostrare che è cambiata non solo negli uomini e nella guida tecnica, ma anche nel rendimento.

In fondo gli amaranto fino a giovedì erano in Serie D e adesso, dopo la restituzione dei due punti, possono giocarsi un jolly che può cambiare la storia.  Almeno quella di questa stagione.

Diversa la prospettiva dei peloritani che pensavano di doversela vedere con un Savoia già fallito e che avrebbe rappresentato sicuramente un atterraggio più morbido rispetto ad una squadra che, se trova la giornata giusta, può dare filo da torcere a chiunque come, seppur in rare occasioni, ha dimostrato in campionato.

E il paradosso è che la Reggina fa maledettamente fatica contro le squadre di bassa classifica, quando si tratta di dover fare la partita.

Bisognerà dunquee  andare oltre i propri limiti e mantenere i nervi saldi, seguendo il proprio condottiero Giacomo Tedesco, confidando anche in un pizzico di buona sorte negli episodi.

Esserci è già un mezzo successo, ma le opere completate a metà restano pur sempre delle incompiute.

L’appuntamento al Granillo è per le ore 17.

Vedi anche:

Reggina, la probabile formazione: Tedesco con il dubbio tridente, si o no?

Play out Reggina-Messina: a Reggio è già derby, la notte si colora d’amaranto

Messina, Di Costanzo: “Pensavamo al Savoia, non abbiamo paura della Reggina”

Play out Reggina-Messina, niente alcol nella zona sud della città nel pomeriggio

aReggina, la carica di Tedesco: “Sarà una battaglia, siamo pronti a vincerla”