Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Messina, Protti: “Indimenticabile la marea giallorossa del 1990…”

Reggina-Messina, Protti: “Indimenticabile la marea giallorossa del 1990…”

Bomber vero. Igor Protti é stato attaccante spietato, letale negli ultimi sedici metri. Ne sa qualcosa la Reggina, punita nel lontano 1990. Il ricordo legato agli scontri diretti é ricco di aneddoti: “Ne ho giocati quattro, vincendone due e segnando sia a Reggio che al “Celeste”. Il ricordo più incredibile è relativo al successo ottenuto in Calabria nel 1990, perché quanto tornammo con la Caronte ed arrivammo a Messina c’era una marea di gente ad accoglierci e a festeggiarci, in quanto non tutti erano potuti venire allo stadio. Fu quasi come se avessimo vinto il campionato: un’emozione straordinaria. Nella stagione seguente, invece, Cambiaghi aprì le marcature e poi feci io il gol del raddoppio, in tuffo di testa, su cross di Traini, proprio sotto la Sud. Ma era tutto lo stadio a trascinarci all’epoca, non soltanto la curva. Un ambiente davvero fantastico”.

Intervistato da MessinaSportiva.it, Protti si sofferma sullo spareggio play-out che domani vedrá il primo atto al Granillo: “La partita secca lascia più spazio a tutte le possibilità. Se una squadra ha più qualità e capacità e però vive una giornata negativa mentre gli altri danno il meglio, non ha magari il tempo di recuperare. Tra andata e ritorno, invece, puoi sbagliare qualcosa in più. In una doppia sfida dovrebbero emergere i valori veri. Alla nostra epoca non erano ancora contemplati i playout e giocammo quello spareggio semplicemente perché avevamo chiuso il torneo a pari punti”. L´ex attaccante di Messina e Livorno vede la formazione siciliana leggermente favorita e si dice sicuro che il pubblico sará protagonista sugli spalti: “Sarà una partita molto particolare, due derby in cui si gioca per la salvezza o la retrocessione. La tensione sarà notevole. Il Messina ha ottenuto il massimo nelle altre due sfide stagionali e ha probabilmente dimostrato di avere qualità superiori, ma bisogna fare attenzione. Le due tifoserie saranno comunque uno spettacolo”.