Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, ti ricordi di Sy? Il francese: “Preso in giro da Foti. Reggio non merita la D”

Reggina, ti ricordi di Sy? Il francese: “Preso in giro da Foti. Reggio non merita la D”

Osumane Sy era arrivato alla Reggina nel 2010 con le grandi promesse derivanti da una grande stagione disputata con la casacca dell’Andria Andria.  L’attaccante francese, sotto la guida di Gianluca Atzori, non riuscì ad emergere e fu mandato a giocare in prestito.

“Avevo preferito fare un passo graduale rifiutando  la corte di Cagliari e Chievo. La Serie A rischiava di essere un salto nel vuoto e preferì una squadra blasonata di Serie B come la Reggina.  La gioia di andare a Reggio era tanta, ma nulla andò come avrei sperato”.

Una doppietta in Coppa Italia al Frosinone, ma in campionato 12 partite, nessun gol e a gennaio il prestito al Taranto di Dionigi  in C1 (13 presenze e 6 reti). Proprio il tecnico emiliano lo aveva segnalato al sodalizio di Via delle Industrie.

L’esperienza non servì però a fargli dare fiducia nella Reggina che era diventata di Roberto Breda la stagione successiva: “Foti mi rassicurò che avrebbero puntato su di me, che sarei stato impiegato continuità e spese bellissime parole nei miei confronti.  Eppure non giocai nemmeno le amichevoli e venivo considerato l’ottava punta in rosa”.

Ancora una stagione in prestito, dunque. Al Benevento e poi l’ennesimo ritorno sullo Stretto: “Venni messo  – rivela a ilperiodicoldibiella.com – direttamente fuori rosa e in quel caso mi sentì preso in giro”.

Ancora prestiti: a Treviso e ad Andria. Senza comunque mai incidere per svariati motivi, fino alla rescissione con la Reggina nel 2013: Decisi di rescindere per come la società si era comportata nei miei confronti. L’ho vista retrocedere in Serie D e devo dire che questo mi dispiace per la piazza e per i tifosi che meritano ben altri palcoscenici. Con loro non ho mai avuto problemi”.