Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, il progetto: le idee di Foti, la maggioranza agli australiani. Ma quando?

Reggina, il progetto: le idee di Foti, la maggioranza agli australiani. Ma quando?

Continua a far discutere la decisione di affidare ad un comunicato stampa il resoconto del viaggio effettuato dal presidente Foti in Australia, giornalisti e tifosi avrebbero certamente gradito un confronto diretto. Sulla volontà di garantire un futuro a questa società e sulle idee progettuali, nessuno poneva dei dubbi, troppo generico, invece, è apparso il messaggio, privo completamente di dettagli. Quei dettagli che tutti attendono e che solo attraverso una serie di indiscrezioni portano a pensare che la trattativa avviata da tempo, è ormai giunta alla sua conclusione. In che modo? Possiamo dedurre che nel momento in cui si dovesse decidere di investire tanti soldi, è facile immaginare che gli obiettivi, oltre che affettivi, siano strettamente legati ad un possibile ritorno economico. Spiegabili così alcuni passaggi della lettera aperta del presidente Foti nel momento in cui sottolinea la concreta possibilità di rafforzare l’attuale assetto societario, ma anche investire su progetti di riqualificazione della città che partono da risposte precise di competenza dell’amministrazione comunale, rispetto a domande altrettanto precise provenienti da Sydney e riguardanti l’area del Granillo. Tutto ciò insieme alla necessità di internazionalizzare il marchio Reggina, e di arrivare finalmente alla realizzazione di uno stadio di proprietà. Le idee di Foti con i soldi degli australiani, ma anche probabilmente con quote azionarie che sposterebbero la maggioranza dall’attuale dirigente amaranto a questa cordata di imprenditori. Di ufficiale ancora nulla a fronte di scadenze imminenti e necessità immediate. Quanto durerà ancora l’attesa? Dietro l’angolo l’udienza di fallimento del 6 maggio che si aggiunge ad una serie di date decisive e pronte a segnare il futuro della società.