Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, oggi è serie D. Come spiegare ai calciatori che col Savoia si deve vincere?

Reggina, oggi è serie D. Come spiegare ai calciatori che col Savoia si deve vincere?

di Michele Favano – Una botta tremenda, micidiale. Pur essendo a conoscenza di quello che sarebbe potuto accadere, in tutti covava la speranza che non succedesse. L’impatto con la nuova classifica è stato devastante, l’idea di essere già tra i dilettanti con quattro giornate di anticipo ha veramente scombussolato l’intera tifoseria amaranto. Hanno vinto, per il momento, le convinzioni di Palazzi e del TFN, rispetto a quelle portate avanti dalla società di Via delle Industrie appena qualche mese addietro e supportate anche dalla Corte d’Appello delle Sezioni Riunite. Una battaglia che non si è certamente conclusa nel pomeriggio di ieri, così come ha annunciato l’ufficio legale della società amaranto. Tutto questo, mentre il presidente Foti si trova dalla parte opposta del mondo, nel disperato tentativo di dare un futuro alla sua Reggina. Conosciamo il suo pensiero, lo ha espresso più volte nel recente passato, le sue certezze, però, questa volta, non hanno trovato riscontro, almeno in questo primo dibattimento. E mentre volge a conclusione l’ennesima settimana di agonia ed in attesa del rientro con buone nuove del massimo dirigente, ci sarebbe anche un match da giocare, domenica pomeriggio al Granillo, presentato fino a qualche giorno addietro come quello decisivo per continuare ad alimentare speranze di aggancio alla zona play out. Esiste qualcuno in questo momento in grado di convincere i calciatori che quell’incontro potrebbe avere ancora una utilità? Con quali presupposti il tecnico Alberti andrà a preparare la partita e quali potrebbero essere gli argomenti da proporre a chi dovrà scendere in campo? Per una squadra che ha evidenziato nel corso della stagione un cammino straordinariamente complicato, viene difficile pensare ad una inversione di tendenza soprattutto adesso.

E poi i tifosi, quella encomiabile fetta di sostenitori che non fa differenza di categoria e che rimane vicino alla squadra a prescindere da tutto. Ecco, soprattutto a loro, come lo si spiega tutto questo?