Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Per il momento vince Palazzi e la D è matematica, ma non è ancora finita…

Reggina – Per il momento vince Palazzi e la D è matematica, ma non è ancora finita…

di Pasquale De Marte – Dodici punti di penalizzazione  che si aggiungono ai quattro già presenti e che configurano la matematica retrocessione in Serie D della formazione amaranto.

E’ questo il responso che emerge dalla sentenza del Tribunale Federale Nazionale della Figc. Accolte le richieste della Procura.

Ma, almeno nelle partite che si giocano a colpi di carte bollate, non è ancora finita.  Bisognerà spiegarlo alla squadra che ha il compito di vincere le ultime quattro partite e dare un senso alla battaglia legale che la società andrà a combattere nei diversi gradi di giudizio.

Un responso definitivo che potrebbe addirittura arrivare quando la stagione sarà già conclusa, falsando più che mai un torneo dove i deferimenti fioccano.

Era già successo che il Procuratore  Federale Stefano Palazzi rilevasse che il mancato pagamento degli incentivi all’esodo come se si trattasse di stipendi non pagati.

Quella volta, maturata sempre nella stagione in corso,  chiese quattro punti di penalizzazione, il TFN, come in questa occasione, penalizzò la Reggina con una sentenza poi totalmente annullata dalle Sezioni Unite della Corte d’Appello Federale.

Il punto della questione è sempre lo stesso: l’incentivo all’esodo, ossia l’accordo  tra la società e le persone, non più tesserati quindi, che prevede la risoluzione del contratto e la rinuncia agli emolumenti in cambio di una somma concordata.

Sia chiaro: le insolvenze ci sono e forse la dicono lunga su quello che è lo stato finanziario ed economico della società, ma riguardano aspetti che esulano dalla competenza della giustizia sportiva.

Si tratta, in sostanza, di un debito “civile” non contemplato, secondo il pensiero della Reggina,  dai regolamenti della Figc e che, in linea di massima, sarebbe potuto essere rivelato  e contestato dalla Covisoc  solo al momento dell’iscrizione al campionato.

Lo ha dimostrato l’avvocato Panuccio e probabilmente lo farà ancora, con buone possibilità di avere ragione nel prossimo grado di giudizio.  L’ultima volta la Reggina si è vista restituire tutti e quattro i punti.

Palazzi contesta alla società di Via delle Industrie di non aver rispettato i propri impegni da luglio a dicembre, un’eternità calcistica che ha portato in dote la maxi-sanzione, a cui si sono aggiunti i tredici mesi di inibizione per il presidente Foti, oggi in Australia e chiamato a dare un futuro economico alla società. E chissà che gli ultimi sviluppi non portino ad una frenata da parte di possibili investitori,

L’equivoco di fondo rischia di mascherare la realtà: la Reggina, nella stagione in corso, ha mantenuto fede ai contratti con i propri tesserati e, dopo il ritardo nella presentazione della fidejussione, si trova a pagare nella stagione in corso questioni  che partono da lontano.

Basta leggere i nomi dei casi presi in esame dal Procuratore Federale: Fabrizio Melara, Angelo Antonazzo, Davide Dionigi, Antonio La Pera, Giampaolo Spagnulo, Lorenzo Sibilano, Paolo Redavid, Giuseppe Colucci, Gianluca Atzori, Alessandro Ruggeri, Manuel Angelilli, Andrea Bergamo, Carlo Simionato, Luigi Mondilla, Davor Jozic, Rodney Strasser, Antonino Barillà, Kristian Ipsa, Sainz Maza Lopez Miguel Angel, Sergio Contessa, Valerio Foglio, Federico Gerardi, Andrea Luca Picone, Giovanni Zandrini, Daniel Adejo, Filippo Falco, Francesco Gagliardi, Simone Giacchetta, Carlo Pescosolido, Emilio Belmonte, Stefano Grilli, Gabriele Geretto, Salvatore Violante.

Giocatori e staff che servono comunque a ricordare quanta confusione ci sia stata, anche tecnica, negli ultimi anni di gestione e forse spiegano come, per la Reggina, sia davvero finito un ciclo.

Certo è, però, che quella che, a questo punto, sarebbe la titanica impresa di mantenere la categoria rappresenterebbe un punto di partenza  migliore.

Vedi anche:

Reggina, ipotesi e motivazioni dopo la maxi penalizzazione. Si punta a riavere dieci punti

Palazzi e il TFN stangano la Reggina: maxi-penalizzazione. Amaranto matematicamente in Serie D. La sentenza

Meno 12, la Reggina risponde al TFN: “Sentenza incredibile. L´appello ci dará ragione”

Reggina in serie D, il dispiacere di Falcomatá: “Giornata triste. Serve un nuovo inizio”

Lega Pro C, la nuova classifica: Reggina retrocessa, le altre esultano. Il ricorso ribalta tutto ?