Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Zitti tutti, parla il campo. L’umiliazione non ha fine…

Reggina – Zitti tutti, parla il campo. L’umiliazione non ha fine…

Bocche cucite al termine di Benevento-Reggina. Non sorprende l’ennesima sconfitta stagionale (20 ko in 34 gare), il punteggio rotondo aggiunge amarezza al dolore. Alberti al termine della gara non ha rilasciato dichiarazioni, al pari di tutti i tesserati. ‘Parlate con la società’ la frase del tecnico amaranto, peccato servisse un telefono satellitare per raggiungere Foti in Australia. Difficile capire se sia stato meglio il silenzio rispetto alle possibili esternazioni (“Fino al 2-0 siamo stati in partita, non meritavamo un passivo cosi pesante. Abbiamo tenuto testa alla seconda in classifica per un’ora “) che avrebbero fatto il paio con altri post-gara discutibili e confusionari, ultimo quello della scorsa settimana. Silenzio negli spogliatoi, il campo aveva già detto tutto.

Paradossale la situazione in casa Reggina in vista del finale di campionato. Il calcio giocato, solitamente unico giudice sovrano in contesti normali, occupa spazi esigui. L’attenzione è rivolta altrove, tra aule di tribunali e viaggi della speranza oltreoceano. Il rettangolo verde quasi un fastidio, al pari dei microfoni. Magra la consolazione: non basterebbe un fiume di parole per interrompere l´umiliazione senza fine…