Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Impianti sportivi, Zimbalatti: “Granillo legato alla Reggina. Non mancano solo i soldi…”
zimbalatti

Impianti sportivi, Zimbalatti: “Granillo legato alla Reggina. Non mancano solo i soldi…”

di Michele Favano e Pasquale Romano – Qual é la situazione degli impianti sportivi di Reggio Calabria? Possibile sperare in una ´rinascita´ di impianti inutilizzati da tempo, smarriti tra le maglie della burocrazia? La nuova giunta comunale, insediatasi alcuni mesi fa, ha avuto il tempo per constatare l´ereditá ricevuta a livello sportivo, Tra le varie problematiche da affrontare in un delicato contesto storico ed economico, non puó essere scansata quella relativa alle strutture sportive locali. Antonino Zimbalatti, assessore comunale, per Sport Strill fa una panoramica generale (e in alcuni casi particolare) dell´attuale situazione.

CONTESTO GENERALE – “Sono diversi gli impianti carenti da un punto di vista documentale, oltre che strutturale. Si tratta di lacune che si sono trascinate nel tempo, e che vogliamo risolvere una volta analizzate con calma, caso per caso. Mi riferisco ad esempio alla palestra di Archi, bisognosa di lavori per circa 130 mila euro. In questo momento non é semplice reperire i fondi, alle conosciute difficoltá economiche si aggiungono quelle legate alle carenze documentali”.

CAMPO SPORTIVO DI RAVAGNESE – “Ha necessitá di alcune rimodulazioni. Attualmente é gestito da una squadra che milita nel campionato di Seconda Categoria, in passato invece se ne occupava l´Hinterreggio. Sono sorte problematiche legate ad entrambe le gestioni che verranno affrontate”.

HINTERREGGIO VILLAGE – “Si tratta forse della struttura che presenta maggiori criticitá. Alcuni lavori in passato sono stati effettuati non a norma o senza le adeguate autorizzazioni, sono svariate le problematiche legate a questo impianto. In questo momento é gestito dall´Armando Segato, in passato dall´Hinterreggio. Con ogni probabilitá si procecederá con lo scioglimento contrattuale”.

CAMPO SPORTIVO DI CICCARELLO – “In questo caso é prevista una soluzione positiva a breve. Il campo sportivo di Ciccarello é fermo da diversi anni, faceva parte di quei lavori legati al ´Decreto Reggio´ poi non completati. L´impianto é di proprietá della Figc, la volontá comune é quella di farlo tornare presto operativo. Abbiamo trovato dei fondi che permetteranno di rimettere a nuovo il campo sportivo, la dottoressa Marcianó (assessore ai Lavori Pubblici, ndr) sta lavorando affinché si arrivi presto alla ripartenza dei lavori”.

REGGINA, FUTURO SOCIETARIO – “Le difficoltá societarie della Reggina sono di conoscenza pubblica. Il presidente Foti ha incontrato diverse volte il sottoscritto e il sindaco Falcomatá, con la volontá di trovare supporto in un momento complicato. Ci siamo adoperati chiedendo ad alcuni imprenditori locali disponibilitá ma non abbiamo trovato purtroppo terreno fertile. Il club amaranto rappresenta i reggini e Reggio Calabria, la nostra speranza é che la trasferta australiana del presidente Foti porti novitá positive”.

ORESTE GRANILLO – “La gestione é affidata alla Reggina. La situazione é monitorata con attenzione, in parallelo andrá ovviamente considerata la situazione legata al club amaranto. Le diverse possibilitá e le scelte che potranno essere compiute si evolveranno in un modo o nell´altro a seconda che il club amaranto possa o meno mantenerne la gestione. Scenari futuri possibili con la Reggina fallita ? Speriamo non si verifichi, in questo caso il Granillo si presterebbe a nuove soluzioni, con una rimodulazione generale”.