Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Cosenza: a Lamezia la sorpresa Tortolano? L’obiettivo è allungare a sette la serie utile

Cosenza: a Lamezia la sorpresa Tortolano? L’obiettivo è allungare a sette la serie utile

di Valter Leone – Una certezza e almeno tre dubbi. Sono quelle regala Roselli sulla formazione che oggi manderà in campo. “Cori non sarà titolare, Criaco-Fornito, Statella-Tortolano e Calderini-De Angelis le alternative a una maglia da titolari”. Sul Cosenza che scenderà in campo al D’Ippolito di Lamezia, l’allenatore valuta ipotesi sulle quali prenderà una decisione anche in virtù del fatto che fra tre giorni si torna in campo per la sfida con il Savoia al San Vito. Intanto l’allenatore ritrova Cori e De Angelis dopo la squalifica: il primo ha scontato sei giornate, ed è proprio per questo motivo che andrà in panchina. “Non gioca da un mese e mezzo, anche per una questione di rispetto nei confronti del gruppo non sarà titolare”, le parole di Roselli alla vigilia. Lì davanti, dunque, toccherà a Cesca il quale si è ben comportato durante la lunga assenza del compagno di reparto. Al suo fianco dovrebbe esserci Calderini favorito su De Angelis.

Non cambierà nulla in difesa, visto che Blondett è nel gruppo ancora da poco tempo dopo l’infortunio nel derby del Ceravolo con il Catanzaro. Dunque, davanti a Ravaglia la linea difensiva che nelle ultime partite ha di fatto blindato la porta rossoblu con, da destra verso sinistra, Corsi, Tedeschi, Carrieri e Ciancio. Due dubbi a centrocampo, esattamente sulle corsie esterne: a destra giocherà uno tra Criaco e Fornito mentre a sinistra ballottaggio fra Statella e Tortolano con quest’ultimo che un po’ a sorpresa potrebbe partire nell’undici iniziale. In mezzo la coppia Arrigoni-Caccetta. I convocati sono 19, compreso il giovane Chidichimo che dovrebbe accomodarsi in tribuna mentre sulla panchina siederanno il secondo portiere Saracco, i difensori Zanini e Blondett, i centrocampisti Fornito e Statella, gli attaccanti Cori e De Angelis.

Vigor e Cosenza arrivano a questo derby con una situazione di classifica decisamente ottima e l’obiettivo salvezza ormai a portata di mano. Se da una parte Erra e i suoi vogliono riscattare il pesante 3-0 subito al San Vito nella partita d’andata, dall’altra c’è un Cosenza voglioso di portare e sette partite la serie utile. Ci sono tutti i presupposti per assistere a una partita senza particolare tatticismi. E poi questa sfida mette in vetrina tanti incroci che vanno al di là dell’aspetto puramente tecnico. Oltre al giovane esterno Rapisarda, punto di forza della Vigor ed ex Cosenza, non può passare in secondo piano la presenza del direttore sportivo Fabrizio Maglia il quale nella città dei bruzi ha lasciato un buon ricordo. E il suo nome sull’agenda del presidente Guarascio resta segnato in una pagina privilegiata. Ma anche quello di Erra è un nome che a più riprese ha stuzzicato e continua a intrigare l’ambiente rossoblu. E poi il presidente dei Lupi: Guarascio è un lametino di adozione che al D’Ippolito non amano affatto. Per lui questo sarà un derby veramente speciale, considerato che nei giorni scorsi c’è stati chi aveva pensato a lui come possibile candidato a sindaco di Lamezia.

TIFOSI – Si annunciano almeno 200 tifosi del Cosenza oggi sugli spalti del D’Ippolito. Il campionato entra nella fase decisiva e non si vuole far mancare il sostegno alla squadra. Ilo rossoblu sventolerà anche sulle tribune dello stadio di Lamezia.