Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Panuccio: “Deferimenti e penalizzazioni. Cosa é successo, cosa accadrá”

Reggina, Panuccio: “Deferimenti e penalizzazioni. Cosa é successo, cosa accadrá”

di Pasquale Romano – Caos totale. Nel giorno che vede la Reggina privata dei tre punti ottenuti in campo contro il Melfi, é obbligatorio cercare chiarezza. Sia per capire cosa é successo, sia per intuire cosa potrá accadere nelle prossime settimane. L´avvocato Giuseppe Panuccio, legale degli amaranto, é quindi l´interlocutore ideale per provare a schiarire la triste nebbia che avvolge la Reggina.

QUESTIONE INCENTIVO ALL´ESODO – “La Reggina si é vista togliere 4 punti in classifica (per alcuni pagamenti ad ex tesserati non effettuati, riferiti alla stagione 2013/2014 ndr), poi successivamente restitutiti dalla Corte Federale D’Appello a Sezioni Unite. E´bene chiarirlo, quei punti sono intoccabili e non potranno essere nuovamente tolti. Noi abbiamo dimostrato che l´incentivo all´esodo non puó essere un emolumento, la nostra tesi é stata accolta. La Procura Federale, nonostante questo, é andata avanti chiedendo alla Corte Federale penalizzazioni per altri incentivi all´esodo non pagati, riferiti a mesi successivi  rispetto al ricorso che ci ha visto vincitori.  Rischio nuove penalizzazioni? Non abbiamo motivo di pensare che vengano prese decisioni diverse rispetto al passato, la Corte Federale dovrebbe ribaltare il giudizio rispetto a quanto giá espresso. A rigor di logica, penso si possano escludere penalizzazioni legate all´incentivo all´esodo “.

QUESTIONE ISCRIZIONE AL CAMPIONATO – “Sui media si fa erroneamente riferimento alla fiejussione, invece é piú corretto parlare di iscrizione al campionato 2014/2015. Per iscriversi a tale campionato, ogni societá, quindi anche la Reggina, doveva presentare entro il 25 giugno una documentazione composta dai pagamenti riferiti alla stagione precedente, Irpef, Inps e fidejussione. La Reggina non é riuscita a iscriversi entro il primo termine, ma entro quello successivo del 15 luglio. Questo ha fatto scattare una sanzione disciplinare dalla Procura Federale e successivamente una richiesta di penalizzazione di 4 punti. Il Tribunale Federale ha riconosciuto 1 punto di penalizzazione, riferito alla fidejussione, mentre ha respinto gli altri 3 punti (riferiti a Inps e Irpef ) perché legati alla ristrutturazione del debito. Oggi invece la Corte Federale D’Appello a Sezioni Unite ha ribaltato la sentenza, comminando ulteriori due punti alla Reggina perché ha slegato il discorso relativo a Irpef e Inps rispetto alla ristrutturazione del debito. Anche in questo caso, a livello federale i punti non ci potranno essere restituiti. Stiamo valutando peró l´ipotesi di un ricorso al Coni, ma non so se i tempi ce lo permetteranno”.

QUESTIONE PENALIZZAZIONI – “Stamattina é arrivato il punto di penalizzazione per il mancato pagamento di Irpef e Inps dei tesserati, riferito a settembre e ottobre 2014. Per questo punto di penalizzazione, faremo ricorso. Se ci saranno nuovi deferimenti e richieste di penalizzazioni per i mesi di novembre e dicembre ? Il rischio é concreto, si tratterebbe degli ultimi possibili. Per i mesi da gennaio in poi, eventuali deferimenti o penalizzazioni sarebbero da scontare nel prossimo campionato”.

COSA SUCCEDERA´IN FUTURO ? “Probabile che si decida di ricorrere al Coni per la questione legata all´iscrizione al campionato e i seguenti 3 punti di penalizzazione, dobbiamo capire se la risposta arriverebbe in tempi brevi, entro il termine del campionato. Faremo certamente ricorso per il punto di penalizzazione arrivato oggi, riferito a Irpef e Inps di settembre e ottobre. Attendiamo decisioni riguardanti i mesi successivi, ammettendo che purtroppo le difficoltá esistono”.