Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Caso Insigne, l’agente: “Belardi e Cirillo lo hanno chiuso negli spogliatoi…”

Caso Insigne, l’agente: “Belardi e Cirillo lo hanno chiuso negli spogliatoi…”

Tra le situazioni con cui la Reggina deve confrontarsi c’è quella relativa al caso Insigne.
Il procuratore del calciatore, Fabrio Andreotti (qui le precedenti dichiarazioni che hanno fatto rumore), ha provato a fare chiarezza sulla situazione ai microfoni di Radio Antenna Febea: “C’è stato poco rispetto verso Insigne. Dopo Catanzaro ha avuto paura, è giovane e Foti non era contrario alla cessione, a patto che avesse trovato un sostituto. In Lega Pro avrebbe preferito restare alla Reggina per ottenere la salvezza nonostante richieste da altre società come il Lecce”.

E sul Catania: “Foti voleva risolvere la situazione prima del 31. Non ha accettato lo scmabio Ramos. Bigon è arrabbiato con la Reggina, perchè Foti doveva essere più chiaro” e non chiedermi di cercargli una sistemazione inizialmente”.

E sU Belardi e Cirillo (qui le loro dichiarazioni di ieri): “Con lui dovevano comportarsi in modo diverso. SOno stati duri con dichiarazioni poco opportune verso un ragazzo di vent’anni. Dopo la partita con la Paganese lo hanno chiuso negli spogliatoi dicendo che avrebbe dovuto cambiare atteggiamento e avere la testa giusta, poi hanno detto che avrebbero convinto Foti a farlo andare a Catania”.

Adesso ci saranno quattro mesi in cui bisognerà capire cosa farà la società di un calciatore così importante e tesserato.

Vedi anche: