Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calciomercato – Reggina, gli obiettivi sono chiari, si fatica però a chiudere

Calciomercato – Reggina, gli obiettivi sono chiari, si fatica però a chiudere

di Michele Favano – Alberti è stato chiarissimo nel dopo Casertana-Reggina. Serve intervenire in tutti i reparti per dare robustezza, qualità ed esperienza a questa squadra. L’impeto dei giovanissimi amaranto potrebbe avere un effetto limitato nel tempo, questo il tecnico lo sa bene e per tale motivo, pur raccogliendo con soddisfazione le ultime due prestazioni della squadra, indica il percorso da effettuare in questa fase di calciomercato. Assolutamente condiviso dalla società che, attraverso i rapporti diretti del massimo dirigente ed i sondaggi che proseguono di Aldo Cerantola, sta cercando di portare nuovi elementi in organico. Con le difficoltà che tutti avevamo previsto, per una serie di motivi. I contatti sono stati numerosi con più società e calciatori, diversi, purtroppo, anche i rifiuti. Comprensibili, perchè la situazione generale del club amaranto mostra crepe dal punto di vista economico e tecnico e l’attuale posizione in classifica, di sicuro non stimola o agevola le trattative. Per irrobustire il reparto difensivo, crediamo si sia fatto davvero il massimo. Magari senza particolari sforzi di fantasia, però l’idea di puntare su gente di esperienza, ma soprattutto grintosa ed affidabile, va condivisa. Belardi, Cirillo ed Aronica, pur avanti con l’età, rappresentano una assoluta garanzia, il resto dovrà essere fatto per i due reparti mancanti. In mezzo al campo, tra fuori rosa, infortuni e squalifiche, si è addirittura sottonumero, per questo diventa una necessità immediata riuscire a consegnare al mister, almeno un elemento da poter utilizzare contro la Paganese. Si punta su Berardocco, giovane di belle speranze in forza al Crotone. Si attende la decisione del ragazzo che potrebbe arrivare la prossima settimana. Con Insigne in stand by, la Reggina cerca anche un uomo gol, o forse due. Ripa e Montalto gli obiettivi primari, ma anche qui, per la numerosa concorrenza, si fatica a chiudere.