Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Foti presenta l’azionariato: “Il nuovo stadio e il mercato. I tifosi siano più umili”

Reggina, Foti presenta l’azionariato: “Il nuovo stadio e il mercato. I tifosi siano più umili”

di Pasquale De Marte – “La Reggina va rifondata. Servono nuovi progetti e l’azionariato popolare ci consentirà di formare un nuovo gruppo dirigente. Non sono più in grado di dare garanzie, sono pronto a farmi da parte ove si creassero le condizioni”

E’ una sala conferenze del Granillo gremita quella che fa da contorno all’attesa conferenza stampa convocata dalla Reggina calcio e dal presidente Foti.

Non si parla dell’atteso ed eventuale passaggio di proprietà, ma è l’occasione per lanciare la nuova iniziativa di sottoscrizione delle azioni della società amaranto.

Presenti esponenti del mondo politico e del mondo dello sport tra cui il sindaco Falcomatà, il presidente della Provincia Raffa e e il presidente del Coni Mimmo Praticò che sono intervenuti.

Un incontro che è servito al presidente amaranto per ricordare quanto intimo sia il rapporto tra il territorio e la massima espressione calcistica cittadina legittimato dalla struttura del centro sportivo S.Agata: cinquantamila metri quadrati che da discarica sono diventati una realtà invidiata in Italia.

A luglio ero sul punto di non iscrivere la squadra – rivela Foti – ma non sarebbe stato rispettoso nei confronti dei tifosi e dei nostri dipendenti. Ci siamo riusciti grazie alla vicinanza di alcune persone”.

Ma più che del passato ci si aspetta che si parli del futuro, rispetto al quale parla di progetti: “Oggi siamo la centoduesima squadra italiana, siamo stati anche molto in alto  e oggi il nostro obiettivo è restare tra le cinquanta squadre professionistiche che presto comporranno un movimento in difficoltà”.

“Il mio sogno – prosegue Foti –  è dare un nuovo stadio alla città di proprietà della Reggina. Pensiamo ad un impianto da quindicimila posti, con cinquanta palchi e trecento poltrone da vendere o da affittare attraverso società di servizi.  Attraverso quest’iniziativa potremo coinvolgere degli imprenditori in una struttura che potrebbe ospitare duecento eventi. 

E non mancano i messaggi ai tifosi che negli ultimi mesi lo hanno contestato duramente: “E’ il momento che tutti, tifosi compresi, vedano le cose con maggiore umiltà. Mi piacerebbe tornasse lo spirito che animava la tifoseria quando si faceva decine di ore di nave per andare e tornare a Sassari”.

Inevitabile pensare alla difficile situazione sportiva della Reggina.

“Non siamo nel baratro – incalza il presidente – e siamo vivi. Stiamo mantenendo fede ai nostri impegni e le cose vanno cambiate sul campo. Siamo coscienti della situazione e di essere vicini alla Serie D, ma a gennaio interverremo in maniera decisa per rafforzare l’organico per evitare la retrocessione”.

 

Clicca qui per leggere le parole del Sindaco Giuseppe Falcomatà 

Clicca qui per leggere le parole del Presidente della Provincia Giuseppe Raffa

Clicca qui per leggere le parole del presidente del Coni Praticò