Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Catanzaro-Reggina, Alberti: “Vogliamo vincere soprattutto per i nostri tifosi”

Catanzaro-Reggina, Alberti: “Vogliamo vincere soprattutto per i nostri tifosi”

di Michele Favano – Il derby di Calabria, ultima gara dell’anno. Tra due formazioni in piena crisi, chi avrà la soddisfazione di regalare una gioia ai propri tifosi? Ci spera in modo particolare mister Alberti, come sperava di iniziare in maniera differente la sua avventura sulla panchina della Reggina. Compito assai complicato per la sua squadra, reduce da sei sconfitte consecutive ed una posizione di classifica drammatica.

“Sicuramente una partita stimolante. Affrontiamo una squadra costruita per vincere, una buona squadra, hanno fatto bene ultimamente ma sono stati sfortunati negli episodi. Per noi vincere è importante per la classifica e per interrompere questo lungo momento negativo. Arriva al momento giusto. Abbiamo l’obbligo di affrontarla con coraggio ed umiltà, voglia di soffrire, non dobbiamo subire il loro gioco. Ci siamo allenati bene, siamo pronti per il derby. Faremo la nostra gara, mettendo in campo qualità e forza, provando a sfruttare le loro debolezze, i loro difetti. Attraversano un momento delicato, ma parliamo di un gruppo molto attrezzato. Non dobbiamo farci condizionare dagli episodi negativi”.

Ricordi da calciatore del Catanzaro.

“Ho perso mia madre, giocavo nel Giarre, era di mercoledi. Son rientrato ovviamente a casa, la domenica successiva si giocava con il Catanzaro. Sono sceso in campo, interpretando anche la sua volontà. In quella partita sapevo della presenza sugli spalti di un osservatore della Reggina, l’anno successivo arrivai ad indossare la maglia amaranto”.

Con dieci più di dieci giorni a disposizione, ha qualche elemento in più sulla reale forza della sua squadra?

“Oggi ho una maggiore visione rispetto alla settimana scorsa. Ho parlato con la squadra, l’obiettivo è quello di fare bene al Ceravolo, poi si vedrà quello che succederà dalla prossima settimana e sul calcio mercato. Non accetto distrazioni di alcuna natura, mettere da parte ogni tipo di problematica, l’obiettivo è quello di fare risultato, il futuro ed eventuali interventi li decideremo insieme alla società. Noi giochiamo soprattutto per i tifosi, penso a loro per primi”.

Condizione generale del gruppo?

“Abbiamo qualche problemino, ma anche soluzioni alternative. Punto alla concentrazione del gruppo ed alla voglia di riscatto. Masini ha commesso un errore, ma se guardate bene l’azione nasce da un suo recupero, un lancio al compagno e poi la corsa per chiudere. Ha pagato proprio sull’impatto finale, le valutazioni vanno fatte in maniera totale, fermo restando che l’errore esiste.

Ma oggi voglio parlare della partita che si giocherà domani, è quello il primo obiettivo da raggiungere, fare punti a Catanzaro. Non è possibile distrarci con situazioni esterne come quelle riguardanti il calcio mercato. Le giornate passano ed i punti da diverse settimane sono sempre sei, è necessario incrementare la classifica. Il gruppo deve ritrovare la giusta autostima che in questo momento non è al massimo. La squadra esprime molto meno rispetto al suo potenziale, i giocatori mi hanno dato l’impressione di aver fatto dei progressi sotto questo punto di vista”.

Alla vigilia di un derby così importante, si avverte parecchio disinteresse tra la tifoseria reggina…

“E me ne sono accorto anche prima di arrivare sulla panchina della Reggina. Il colpo d’occhio di un Granillo vuoto fa un certo effetto. E’ nostro compito e dovere recuperare e riportare la gente allo stadio, lo possiamo fare solo attraverso i risultati e l’impegno. Credo che la scorsa settimana il secondo tempo con il Foggia sia stato apprezzato. La crescita dovrà essere totale, se così sarà, riavremo il grande pubblico, quello che io conosco e ricordo”.