Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, quale sarà il futuro di Mozart?

Reggina, quale sarà il futuro di Mozart?

Nel corso della conferenza stampa della sua presentazione Roberto Alberti ha detto che, nel corso della sua esperienza in riva allo Stretto, si avvarrà di uno staff striminzito e circoscritto al preparatore atletico Saffioti e al preparatore dei portieri Leoni.

Si tratta, in entrambi i casi, di vecchie conoscenze per l’ex allenatore del Bari.  Con Saffioti, infatti, aveva già lavorato nel settore giovanile amaranto diversi anni fa e con Leoni aveva condiviso, molti anni fa, un’esperienza da calciatori come compagni di squadra.

Riguardo al vecchio staff di Cozza e Tortelli (che probabilmente rientrerà nei ranghi del settore giovanile), l’unica situazione chiara è apparsa quella di Padovano dato che il suo sollevamento dall’incarico di allenatore in seconda è stato chiaramente specificato in un comunicato.

Non si capisce, invece, quale sarà il futuro di Mozart.  Il brasiliano non è uno come tutti gli altri.  Sia per il suo passato da calciatore che lo rende uno dei pilastri degli anni di maggior lustro del club di Via delle Industrie, sia perchè, proprio in estate, era stato proposto a diversi tecnici dotati di patentino (tra i quali si pensa lo stesso Alberti) come giovane allenatore da affiancare, quasi a titolo di firma.

L’ipotesi più accreditata vede un rientro in Brasile dell’ex centrocampista e la chiusura della sua esperienza post-carriera in amaranto.