Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina alla deriva. Gennaio è troppo lontano, si intervenga subito

Reggina alla deriva. Gennaio è troppo lontano, si intervenga subito

di Michele Favano – La Reggina continua a perdere, le umiliazioni si susseguono, non si intravede la minima possibilità di recupero. Una squadra a pezzi, ripetutamente colpita da ogni avversario, priva di nerbo, sfiduciata, povera di contenuti tecnici e tattici. Un solo gol nelle ultime cinque partite, otto sconfitte nelle quattordici giornate disputate, due sole vittorie. Un percorso vergognoso che oggi la colloca all’ultimo posto della classifica in compagnia dell’Aversa Nornanna. Atteggiamenti che fanno discutere come le due espulsioni subìte da Rizzo, la settimana scorsa, e Dall’Oglio ad Ischia, apparentemente inspiegabili e immotivate. Nulla è cambiato dalle dimissioni di Cozza all’arrivo di Tortelli. La squadra mostra le stesse lacune, identici problemi, uniti adesso a svogliatezza e comportamenti ai limiti dell’indisponenza. Il presidente Foti a fine gara ha parlato di interventi necessari nel prossimo mercato di riparazione. La Reggina, ammesso che serva a qualcosa, avrebbe bisogno, invece, di innesti immediati, una rivoluzione seria che stravolga quasi per intero l’attuale organico. Da questo gruppo nulla c’è più da prendere, altro che motivazioni e attaccamento. Oggi la Reggina è già lontanissima dalla salvezza diretta, come si può pensare di aspettare ancora.