Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, il gioco c’è, ma i risultati non arrivano. Cozza cerca alternative

Reggina, il gioco c’è, ma i risultati non arrivano. Cozza cerca alternative

di Michele Favano – Dall’entusiasmo e l’esaltazione, alla preoccupazione. Quella di una tifoseria che osserva e si gode lo spettacolo mostrato dalla sua squadra, ma puntualmente esce delusa da ogni gara per il risultato finale. La Reggina ai punti oggi starebbe lassù in classifica ad occupare le primissime posizioni, ma il calcio ha regole diverse dalla boxe, contano i risultati ed in questo momento la squadra di Cozza dopo nove giornate di campionato, ha vinto solo due volte, pareggiato tre e perso quattro. Un bottino esiguo che colloca gli amaranto a ridosso della zona insidiosa, con la paura concreta di essere risucchiati nella parte ancor più pericolosa dopo la prima penalizzazione che arriverà a breve. Soluzioni? Nulla può essere rimproverato all’allenatore che nel corso di questa prima parte di stagione, ha lavorato su diverse situazioni, dal punto di vista tattico e degli interpreti. La Reggina gioca un calcio piacevole, è apprezzata per questo, si impone su ogni avversario, ma raccoglie pochissimo. I difetti sono quelli che ripetiamo ormai dalla prima giornata. Uno spreco esagerato di occasioni da rete e la solita distrazione difensiva che puntualmente viene pagata a caro prezzo. Sulla cattiveria agonistica sotto porta ci lavora da tempo mister Cozza, qualche risultato è riuscito ad ottenerlo dal giovane Louzada, alla prima rete stagionale, ma nella stessa giornata ti viene a mancare il tuo uomo migliore, Insigne, impreciso in diverse circostanze, compreso il calcio di rigore fallito. Aspettando Masini, che sul piano dell’impegno è encomiabile, su quello realizzativo discutibile. Sarà, quella appena iniziata, un’altra intensa settimana, che si concluderà con il complicato impegno in campo avverso contro la Vigor Lamezia. L’allenatore amaranto, privo di Rizzo, potrebbe pensare ad un atteggiamento tattico diverso. C’è da capire se un modulo più prudente, potrà servire a risolvere almeno in parte le problematiche mostrate sin qui dalla squadra.