Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Lupa Roma, l’ex Scibilia: “Tanti ricordi ed ex compagni diventati famosi”

Reggina-Lupa Roma, l’ex Scibilia: “Tanti ricordi ed ex compagni diventati famosi”

“Ho cominciato nelle giovanili della Reggina Calcio stando lì dai 13 ai 17 anni arrivando fino alla Primavera – ricorda Scibilia – Sono trascorsi tanti anni, ma ricordo perfettamente come con altri 7-8 compagni di squadra condividevamo il campo e la vita scolastica. Giocatori “famosi” con cui ho giocato alla Reggina? Posso dire che Fabio Ceravolo (attualmente attaccante della Ternana in B, ndr), Francesco Cosenza (attualmente difensore del Pro Vercelli in B, ndr) e Simone Missiroli (attualmente centrocampista del Sassuolo in A, ndr) si sono affermati, senza dubbio, in categorie importanti”.

Nell’anticipo della 9^ giornata una Reggina affamata di punti che potrà contare sul “fattore Granillo”: “Affronteremo questa sfida sicuramente con grande umiltà verso avversari e tifosi ma con molta grinta perché dobbiamo cercare di fare risultato anche a Reggio Calabria perché non possiamo e non vogliamo fermarci. Penso che il nostro gruppo non sia condizionato da nessun fattore e che si esprima nello stesso modo sia in casa che in trasferta. Non siamo presuntuosi ma andremo a giocare il nostro calcio anche al “Granillo” senza timori reverenziali”.
Danilo Scibilia, insieme a Lorenzo Cerrai, Alessandro Celli e Luciano Leccese, rappresenta uno dei fantastici 4 che ha cominciato quest’avventura dall’inizio nel campionato 2011-2012 in Eccellenza: “Sono molto orgoglioso e contento perché 4 anni fa quando conobbi il Presidente Cerrai e il suo unico obiettivo era quello di raggiungere in 3 anni il professionismo. Dopo aver sposato questo progetto insieme a lui, siamo riusciti a realizzarlo e tutto ciò mi lega particolarmente al Presidente e alla famiglia Lupa Roma”.
Nella Reggina mancherà David Di Michele ma ci sarà Roberto Insigne, capocannoniere del girone C di Lega Pro con 6 reti in 8 giornate: “Come ho detto in precedenza è una squadra giovane ma in salute. I giocatori sono sicuramente di prospettiva, hanno giovani molto interessanti come Insigne (attaccante classe ’94) che penso possa avere un’ottima carriera. Aggiungo tra l’altro che sono contento di ritrovare dopo tanti anni Gaetano Ungaro (difensore classe 1987 della Reggina, ndr) con cui ho condiviso parte della mia esperienza a Reggio Calabria e venerdì lo saluterò con affetto”.

fonte: www.luparoma.it