Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Cozza: “Senza cattiveria continueremo a non fare gol. La penalizzazione…”

Reggina, Cozza: “Senza cattiveria continueremo a non fare gol. La penalizzazione…”

“Se non troviamo cattiveria per fare gol, ne faremo pochi. Li farò giocare tutti, sono passate otto giornate e non siamo riusciti ad andare a rete con regolarità”.

Francesco Cozza bacchetta i suoi attaccanti a due giorni dall’impegno casalingo contro la Lupa Roma, ma può sorridere per due recuperi importanti: “Insigne dovrebbe farcela, ma staremo attenti fino a venerdì sera. Anche Viola ci sarà. Speriamo che il reparto possa trovare la via del gol con regolarità, ma è vero che la colpa della nostra situazione non è solo la loro. Daremo continuità al nostro sistema di gioco”.

Non mancano anche situazioni che andavano affrontate meglio in difesa: “Dagli errori dobbiamo imparare. Ultimamente prendiamo dei gol strani, spesso si tratta di disattenzioni. A Matera, ad esempio, dopo l’errore di Maita poteva recuperare Ungaro, dopo Ungaro poteva recuperare Camilleri. Purtroppo l’ultimo difensore deve spazzare la palla. A Castellammare il secondo gol non l’avremmo preso se qualcuno, invece di far passare la palla, l’avesse presa di testa”.

Cozza esprime il suo punto di vista sul prossimo avversario: “La Lupa Roma è una di quelle squadre, assieme al Matera, che gioca a calcio. Lavorano da tanto tempo insieme, noi siamo una squadra nuova e stiamo facendo bene al di là dei risultati, visto che non abbiamo i punti che meriteremmo in classifica. Rispettiamo tuttti, ma devono preoccuparsi anche e sopratutto loro di noi. Nel momento in cui troveremo una sequenza di buoni risultati ne faremo altri di conseguenza”.
Il tecnico traccia anche un profilo delle squadre del campionato: “Ci sono tre squadre molto forti, cinque buone formazioni e poi siamo tutti allo stesso livello”.

Potrebbe arrivare prima della gara contro la Lupa Roma una decisione della Disciplinare relativa ad una prima penalizzazione in classifica: “Dobbiamo fare più punti possibili e pensare a salvarci indipendentemente da quanto accadrà fuori dal campo”.