Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / “Vi spiego perchè la Reggina non ha più tifosi allo stadio…”

“Vi spiego perchè la Reggina non ha più tifosi allo stadio…”

Riceviamo e pubblichiamo da un tifoso arrivato (Siamo pronti a pubblicare l’eventuale replica della società):

Caro Presidente

Chi le scrive è un affezionato tifoso innamorato della Reggina da 1987, non tanto TEMPO FA, ma avevo 14 anni quindi diciamo che ho cominciato comunque abbastanza giovane.

Come tanti concittadini purtroppo vivo lontano dalla mia città, a Roma, ma per amore e per partecipare alla MIA REGGINA, più volte ho fatto l’abbonamento allo stadio pur vivendo a 700 km di distanza e pur potendo vedere poche partite, anche perché purtroppo voli low cost per Reggio Calabria erano una chimera.

L’anno scorso ad agosto sono venuto al centro sant’Agata per fare di nuovo l’abbonamento, avevo la possibilità economica e l’ho fatto.

Ovviamente era  necessaria la tessera del tifoso, richiesto mille volte via mail conferma di emissione, ricevo la conferma solo a luglio, ma qui forse ho qualche colpa anche io, mi sono fidato di una comunicazione solo via mail.

Quest’anno decido di rifare l’abbonamento, al cuor non si comanda, e non appena scendo a Reggio per le vacanze vado a ritirare al tanto sudata tessera del tifoso e faccio l’abbonamento.

Purtroppo quel maledetto giorno di Reggina Messina, dopo la partita, perdo l’abbonamento.

Allora cerco di telefonare per capire come risolvere il problema, anche perché avevo pochi giorni di tempo per poter fare il cambio in gradinata ultrà, bellissima iniziativa, purtroppo riservata solo a chi vive a Reggio, visto che per farlo si doveva andare al sant’Agata e che per telefono e mail dalla società non si ha la possibilità di avere alcun contatto.

Ci provi Lei a chiamare al numero 0965354760, alle diverse opzioni sentirà o un grazie per aver chiamato la metteremo in contatto con un operatore (attesa 1 minuti e poi cade al linea) o sentirà il bolero per 35 minuti dopodiché una voce registrata le dirà che gli operatori sono occupati e la pregheranno di richiamare.

Allora torno a provare la comunicazione via mail, e finalmente dopo 4 giorni, gentilmente l’addetto alla mail “stadio” mi risponde, mettendo in copia la biglietteria, che già avevo cercato contattare con sei mail.

Finalmente su segnalazione del collega l’addetta alla mail “biglietteria” mi risponde ma essendo ormai passata la finestra per il cambio, il risultato è che non ho potuto fare lo spostamento in gradinata, cambio che tutti i miei coetanei ed amici hanno fatto.

Da ciò che mi scrivono, ovviamente parlare al telefono è ancora impossibile, non potrò farlo più per motivi di lega o non so cosa, per far riemettere il duplicato dell’abbonamento dovrò fare bonifico on line e poi quando scenderò a natale, perché per andare da solo in curva non scenderò ovviamente per le partite, potrò riavere la tessera del tifoso sperando non ci vogliano i 12 mesi dello scorso anno.

Il tutto per farle capire che per far tornare la passione per la nostra Reggina, il tifoso deve essere aiutato, il tifoso è un cliente, che non può fare una fila di 40 minuti fuori alla curva sud perché per un settore come quello ci sono aperti solo 4 tornelli, non può passare 2 ore e 14 minuti (da tabulato) ad un numero di telefono della società senza ricevere alcuna risposta, non può ricevere mail di risposta dopo 4 giorni.

Ai tempi d’oro anche la società era all’altezza, ricorda la meravigliosa addetta marketing che cercava di rispondere a tutti e di risolvere i problemi di tutti noi tifosi fuori sede.

C’è un bacino di utenza lontano da Reggio che è abbandonato, non possiamo venire al sant’Agata abitando lontano, e non abbiamo la possibilità di parlare con nessuno al telefono, ed alle mail non risponde nessuno.

MI DICA LEI SE CONTINUEREBBE A SEGUIRE COSÌ UNA SQUADRA ED UNA SOCIETÀ CHE TI TRATTA A PESCI IN FACCIA! Se trattassi così i miei clienti sarei disoccupato!

NON È SOLO QUESTIONE DI SQUADRA COMETITIVA.

MEDITI PRESIDENTE, VUOLE L’AZIONARIATO POPOLARE, IO CI AVREI PARTECIPATO VOLENTIERI, MA SE LA SOCIETÀ NON MI CONSIDERA COME PARTE INTERESSATA MA SOLO COME UNO STUPIDO A CUI VENDERE I BIGLETTI, NON PENSO CHE AVRÒ ALCUNA VOGLIA DI FARNE PARTE.

Non verrò più allo stadio, lei i suoi 60 € li ha intascati, ma perderà gli altri 600€ che le avrei dato in 10 anni.

Mediti per il bene della NOSTRA REGGINA.

CORDIALI SALUTI

FRANCESCO CATALANO