Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, avanti con questo gruppo confidando nel lavoro di Cozza

Reggina, avanti con questo gruppo confidando nel lavoro di Cozza

di Michele Favano – Alla fine nulla si è mosso. Nessuna operazione in uscita, di conseguenza nessuna in entrata. Qualcosa lo avevamo intuito domenica pomeriggio, nel post gara, con le dichiarazioni del tecnico Cozza che in qualche modo davano una idea di quello che sarebbe potuto accadere. Ha ripetutamente dichiarato di non interessarsi di calciomercato e di avere un solo obiettivo, allenare e concentrarsi sul gruppo di calciatori a disposizione. In cuor suo, probabilmente, qualcosa si aspettava, lo stesso desiderio di gran parte dei tifosi, non ci sono state, invece, novità. Il gruppo, lo ripetiamo, è valido, può crescere ulteriormente, mostra interessanti idee di gioco e tanta, tantissima volontà. Ma evidenzia pure lacune importanti, le stesse che Francesco Cozza aveva posto all’attenzione di tutti nel corso delle preparazione estiva e subito dopo le due amichevoli disputate. Una volta intuito che poche sarebbero state le speranze di dare maggiore forza all’organico, ha cambiato modulo, cercando di ottenere il massimo dai calciatori a disposizione. Ci sono dei vuoti che ad oggi vengono colmati con il sacrificio di qualche giocatore. Karagounis non ha ancora pienamente convinto ed allora è Di Lorenzo a spostarsi sulla corsia di sinistra. Si cercava un centrocampista di buona qualità e con capacità di inserimento, si è rimasti con tre elementi, i titolari, assolutamente all’altezza, ma tutti con caratteristiche simili tra loro. Resta il mercato degli svincolati verso il quale la Reggina ha sempre guardato con un pò di scetticismo, anche se quello della Lega Pro offre decisamente più opportunità. Per il momento il gruppo rimane identico a quello visto in occasione dell’esordio contro la Casertana e su questo bisognerà lavorare ed insistere per migliorarlo il più possibile. La squadra è attesa da una serie di partite tutt’altro che semplici, con la necessità di incamerare punti, aspettando la penalizzazione.