Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Coppolaro e Bochniewicz, giovani talenti in vetrina. Dalle loro cessioni la Reggina può ripartire con serenità

Coppolaro e Bochniewicz, giovani talenti in vetrina. Dalle loro cessioni la Reggina può ripartire con serenità

Una partita di fondamentale importanza la Reggina, quest’estate, la giocherà fuori dal campo. Ci sono dei debiti da ripianare e al di là qualche possibile dilaazione che, resterà una spada di Damocle che anno dopo anno resterà al di sopra di ogni qualsiasi progetto, è necessario trovare i giocatori che possano servire a far cassa.

In un’annata così deficitaria e con tanti giocatori in prestito è difficile ritrovare nella prima squadra gli elementi che possano fare al caso delle necessità del sodalizio dello Stretto.

La vera risorsa per la Reggina restano i suoi giovani, come avvenuto nel 91, con Di Sole, Campolo e Orlando, ceduti alla Fiorentina per salvare la situazione economica, oggi la situazione potrebbe ripetersi con Bochniewicz.

Il polacco, classe ’96, secondo Franco Gagliardi è destinato a giocare nel Real Madrid. Pretesa forse azzarda, ma che in qualche modo serve a dare l’idea di quelle che siano le potenzialità del centrale difensivo polacco, schierato all’occorrenza anche davanti alla difesa. Fisico da corazziere, ha recentemente prolungato il contratto con la Reggina. Ha mercato e gode della stima di diversi talent scout e non a caso è un pilastro delle nazionali giovanili polacche.

Roseo è anche il futuro di Mauro Coppolaro. Stesso ruolo naturale, con eventuale predisposizione ad agire a destra in difesa. Classe ’97, ha da tempo addosso gli occhi di Juventus, Napoli e diversi club europei. Ha diciassette anni, è a Reggio da quando ne aveva 12 e a pescarlo fu l’osservatore Salvatore Loaicona quando giocava vicino casa sua, in provincia di Benevento.

Ha la testa sulle spalle, quando torna a casa aiuta i genitori nell’impresa di famiglia e sa che nel calcio può fare tanta strada.

Difficile capire dove andrà, il Napoli, a gennaio, con il prestito gratuito di Dumitru potrebbe essersi aperto una corsia preferenziale con la Reggina.

La Reggina le risorse per avere un futuro potrebbe trovarle dentro casa.