Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Trapani, la parole dei protaognisti. Gagliardi: “Mi stanno venendo dei problemi alla cervicale….”

Reggina-Trapani, la parole dei protaognisti. Gagliardi: “Mi stanno venendo dei problemi alla cervicale….”

BARILLA’ (CENTROCAMPISTA REGGINA)

 

 

“Siamo fuori dalla zona della retrocessione diretta. Il gol lo dedico al mio nipotino appena nato. Loro giocano senza pressione e quello che ottengono è tutto guadagnato, a noi la palla brucia di più. Abbiamo rischiato di perdere una partita per un calcio d’angolo. Muovere la classifica è sempre importante”.

 

SBAFFO (CENTROCAMPISTA REGGINA)

“Contento per la reazione e per il punto. Nei primi tempi si deve fare meglio. Nella ripresa si vede la pressione e la qualità dei nostri calciatori. Ci serve più aggressività e un baricentro più alto nei primi quarantacinque minuti. Gli esterni d’attacco restano bassi e schiacciati. Novara? Una partita alla volta e ogni gara è per noi uno spareggio. Oggi per il Trapani, essendo una squadra ben rodata, è più facile giocare”.

 

BOSCAGLIA (ALLENATORE TRAPANI)

“La Reggina ci ha aspettato per ripartire, lo sapevamo e abbiamo lavorato molto sugli esterni, provando a tirare da fuori. Il loro portiere ha fatto tre parate decisive. Dopo il nostro vantaggio erano in confusione e avremmo potuto gestirla meglio. Per noi è un buon punto, nonostante arrivi con un po’ di amaro in bocca. Meritavamo di vincere, ma il pareggio può starci. La classifica? Non la guardiamo”.

 

GAGLIARDI (ALLENATORE REGGINA)

“Il Trapani è una squadra importante e lo sapevamo. Soffriamo l’approccio alle gare ma sono soddisfatto per la reazione. Pigliacelli sta dimostrando di valere la categoria. Sbaffo e Gerardi non sono ancora al top della condizione, quando la troveranno tutti potremo ambire realmente alla salvezza. Senza meccanismi ancora ben oliati siamo costretti a giocare stretti, non proteggere la difesa per noi sarebbe un rischio. I calciatori stanno crescendo più di noi allenatori e ci mettono in difficoltà nelle scelte. La classifica? Voglaimo cambiarla ma serve pazienza, anche se a furia di guardare tutti dal basso mi stanno venendo dei problemi alla cervicale”.