Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, al Granillo arriva il Trapani

Reggina, al Granillo arriva il Trapani

Tra Reggina e Trapani ci sono sedici punti di distacco, a favore dei siciliani. A inizio campionato nessuno lo avrebbe pronosticato, ma i demeriti sono in

gran parte degli amaranto che non hanno mantenuto fede ai pronostici che li vedevano almeno nella colonna sinistra della classifica, pur non essendo considerabili una delle corazzate di questo campionato in cui a fare la differenza, come nel caso dei siciliani, sono la coesione del gruppo, l’unità di intenti, la capacità di soffrire e l’organizzazione.

 

La Reggina ha iniziato a mettere qualcosa di questo genere soltanto nelle ultime tre partite in cui sono arrivati sette punti e non è detto che ci siano i margini per recuperare il terreno perso clamorosamente nel girone d’andata, che mette gli amaranto tra le principali candidate alla retrocessione in Lega Pro.

 

Gli amaranto non hanno margini, possono sbagliare pochissim e già questo pomeriggio servirà non farsi tradire dalla pressione contro un avversario in saluto, spinto da almeno mezzo migliaio di tifosi.

 

Il primo problema di Gagliardi e Zanin è sostituire Lucioni. L’alter ego naturale sarebbe Di Lorenzo.

 

In corsa per una maglia da titolare ci sono anche Dumitru e Sbaffo nel 4-5-1 (o 4-3-3) utilizzato dal duo attualmente alla guida degli amaranto. A far posto ai due, rispetto a Castellammare di Stabia, potrebbero essere Pambou e Fischnaller.

 

 

Non è una gara come tutte le altre per Simone Rizzato. L’esterno sinistro di Boscaglia ha giocato per quattro anni a Reggio, prima di lasciare lo Stretto perché in scadenza di contratto.

 

Nel 4-4-2 dei siciliani partirà come esterno difensivo mancino. Non sarà della gara Martinelli a causa di un problema al polpaccio, mentre sarà regolarmente in campo Mancosu, il sorprendente bomber di questo campionato, con un passato nella Vigor Lamezia.

 

REGGINA (4-5-1): Pigliacelli; Adejo, Di Lorenzo, Ipsa, Barillà; Sbaffo, Stasser, Dall’Oglio; Maicon, Di Michele, Fischnaller. All. Gagliardi-Zanin

 

JUVE STABIA (4-4-2): Nordi; Garufo, Pagliarulo, Terlizzi, Rizzato; Bosso, Pirrone, Ciaramitaro, Nizzetto; Gambino, Mancosu. All. Boscaglia