Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, arrivano Dumitru e Azizi, Rigoni va al Cittadella. Si chiude un mercato caratterizzato dai rifiuti

Reggina, arrivano Dumitru e Azizi, Rigoni va al Cittadella. Si chiude un mercato caratterizzato dai rifiuti

dumitru11
Lo scoccare delle ore 23 del 31 gennaio ha messo il punto esclamativo sul calciomercato invernale, che come sempre diventa un raccoglitore di

speranze,

spesso disattese, per squadre deluse dalla prima parte di stagione e chiamate a rivoltare i propri organici per dare un senso alla propria annata.
E’ il caso della Reggina che ha cambiato molto, dovendolo fare strizzando l’occhio al bilancio e non potendo contare su una cassa piena.
L’ultimo botto riguarda l’attacco ed è uno scambio con un centrocampista. Nicola Rigoni, come il fratello Luca qualche anno fa, lascia lo Stretto dopo sei mesi e, via Chievo, si accasa al Cittadella da cui arriva in riva allo Stretto, via Napoli,  Nicolao Dumitru.
Nicolao Manuel Dumitru Cardoso, italiano  nato in Svezia da padre rumeno e madre brasiliana, fino a qualche stagione fa era uno dei prospetti più interessanti del calcio azzurro, al punto che la società partenopea ha investito quasi tre milioni di euro nel 2010 per assicurarsi un talento cristallino che si mischia alla potenza fisica per la quale qualcuno lo aveva paragonato ad Henry dopo i primi passi nelle giovanili dell’Empoli.
Ad invaghirsi delle sue caratteristiche era stato Riccardo Bigon, vecchia conoscenza della società amaranto, che oggi ha lungamente discusso con Foti, provando a prestare il centrocampista Radosevic agli amaranto, ma incassando il no del giovane craoto.
Tra le parti si è parlato anche del giovane difensore delle giovanili della Reggina, Mauro Coppolaro, classe ’96, per cui la società partenopea potrebbe essersi aperta una corsia preferenziale.
Dumitru, 69 presenze e 6 gol in Serie B (uno al Granillo l’11 febbraio 2012, vorrebbe abbandonare l’etichetta di promessa mancata e a 23 anni, da compiere soltanto il prossimo ottobre, ha ancora il tempo per farlo.
Se lo augura la Reggina che vorrebbe trovare nei gol dell’italo-rumeno quellie necessari per la salvezza.
Azizi, il portiere classe 1994 prelevato dalla Reggiana, è destinato a fare il terzo.
Sembrerebbe un pò poco a fronte delle partenze di Gentili, Benassi, Caballero, Cocco, Colucci, Rigoni e Falco considerare sufficienti i soli arrivi di Pigliacelli, Barillà, Dumitru e Azizi, ma la società, nei limiti delle possibilità economiche emersi nelle sedi di trattativa, è stata attivissima e in talune circostanze si è dovuta arrendere ai no di giocatori come Aronica e Cutolo o alla preferenza di altri che hanno scelto destinazioni diverse per non trovarsi a lottare in una situazione quasi disperata come quella amaranto.
L’abbondanza a sinistra dove si registra la presenza contemporanea di  Frascatore, Foglio, Contessa e Barillà, abbinata alla penuria di mediani dopo le partenze di Colucci e Rigoni, autorizza a credere che il mancino di Catona andrà a rinforzare la batteria dei centrocampisti lasciando la corsia agli altri compagni.
p.d.m.