Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Bari-Reggina, le parole dei protagonisti. Gagliardi: ”Prima non c’era gruppo, prima si diceva…”

Bari-Reggina, le parole dei protagonisti. Gagliardi: ”Prima non c’era gruppo, prima si diceva…”

SIMONE GIACCHETTA (DIRETTORE AREA TECNICA REGGINA)
“E’ questo lo spirito per uscire dalla nostra situazione. Oggi i i calciatori si sono dimostrati coinvolti, in questo periodo di sosta si è visto che qualcosa è

stato costruito. Partire con questo risultato ci dà morale ed entusiasmo.  Dovremo replicare la prestazione contro il Lanciano”.
ANTONINO BARILLA’ (CENTROCAMPISTA REGGINA)
“Da oggi inizia un nuovo campionato. Possiamo giocare meglio, ma adesso contano i punti. Se restiamo uniti i nostri obiettivi saranno raggiunti. Sono tornato alla Reggina per ventuno finali, una l’abbiamo vinta. Non importa come giocheremo le partite, ma solo i risultati. Il gruppo è più unito che mai. Tutti remiamo dalla stessa parte”.
DANIEL  ADEJO (DIFENSORE REGGINA)
“Dopo aver trovato il gol siamo stati  compatti. Quando si vince così va bene tutto.  Il rigore? Oggi parliamo solo delle cose positive”.
LILLO FOTI (PATRON REGGINA)
“Complimenti a chi è sceso in campo. Ho visto che c’è voglia di lottare fino alla fine, mancano venti battaglie. Teniamo i piedi per terra dopo questo risultato.
DIEGO ZANIN (ALLENATORE REGGINA)
“Sapevamo di affrontare una squadra con giovani molto bravi.  La squadra è stata compatta, stretta.  Abbiamo avuto un pizzico di fortuna, ma i ragazzi sono stati straordinari. Dobbiamo pensare da subito al Lanciano. Pambou? Non mi sorprende, so quali siano le sue qualità e ha diverse caratteristiche che possono servire alla prima squadra.   Pigliacelli ha dato un grosso contributo, ma tutti hanno avuto carattere, volontà, determinazione e capacità di soffrire, senza mai perdere l’autocontrollo, cosa non facile vista la nostra situazione attuale. E’ ancora lunga, ma abbiamo avuto una buona iniezione di fiducia.  I ruoli tra me e Gagliardi? Siamo in quattro a prendere le decisioni
MIRKO PIGLIACELLI (PORTIERE REGGINA)
“Era difficile immaginare un debutto migliore di questo per me.  Sono venuto qui per mettere al servizio della squadra quello che so fare.  La parata più difficile? Forse il rigore”.
FRANCO GAGLIARDI (ALLENATORE REGGINA)
“Non abbiamo ottenuto nulla, se non una vittoria che può farci guardare al futuro con fiducia. Si sono visti dei mezzi che possiamo utilizzare da qui alla fine. Si sta cercando di creare un gruppo che forse prima non esisteva.  Gli abbracci che avete visto alla fine vorrò vederli spesso, non solo per celebrare le vittorie ma anche pe ricordarci sempre da dove veniamo. Ho sempre detto che questa squadra ha dei valori, qualcuno magari non l’ha mai detto, io lo dico e lo dirò sempre”.
NUNZIO ZAVETTIERI (VICE ALLENATORE BARI)
“Una delle nostre peggiori partite in questa stagione. Era importante dare continuità ai nostri risultati, però se dovevamo perdere contro una squadra meglio la Reggina, viste le mie origini dell’area grecanica.  Mi auguro riesca a salvarsi, anche se penso che il presidente voglia  rinforzare l’organico.  Ho girato molto a livello calcistico. Oltre al Reggio Calcio a 5, prima dell’Inter sono stato al Venezia, all’Udinese e sono stato anche due anni in Lettonia dove ho partecipato alla Champions e a un girone di Europa League, prima di fermarmi qui a Bari”.
ROBERTO ALBERTI (ALLENATORE BARI)
“La partita si è messa bene per loro. Il pareggio avrebbe rispecchiato quello che si è visto in campo.  Questo è un campionato equilibrato, dove gli episodi fanno le differenze. In questa fase del campionato la concretezza è importantissima. Oggi ho visto una squadra molto ordinata che ha avuto la fortuna e il merito di portare a casa la vittoria. Conosco l’ambiente, chi lavora dentro la Reggina e so che darà del filo da torcere a tutti.  Sono legato da tante cose a Reggio Calabria, oggi sportivamente avrei preferito vincere”.