Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Chievo-Reggina, le pagelle di Strill.it

Chievo-Reggina, le pagelle di Strill.it

Benassi 5,5 – Atterra nettamente Acosty e non è reattivo sul calcio di rigore sparato da Paloschi: il pallone, centrale, gli passa tra le gambe. Buona

scelta di tempo e successiva uscita su Da Silva,  in avvio di ripresa, che sbarra la strada al talentino clivense.

 

Adejo 5 – Come tutta la difesa, oggi appare in evidente difficoltà nel riuscire a limitare la pericolosità di attaccanti che, comunque, appartengono ovviamente ad altre categorie. È colpevole di farsi soffiare il pallone da Paloschi e di non riuscire successivamente a contrastarlo in occasione del 2 a 0, mentre sul 4 a 1 si perde nettamente Da Silva, libero addirittura di colpire di testa, in tuffo.

 

Gentili 6 – Il gol serve ad accorciare momentaneamente le distanze, e a raddrizzare una gara che, se considerata dal mero aspetto difensivo, andrebbe valutata insufficientemente. Acosty, nell’occasione del rigore, passa colpevolmente, come una lama, tra lui e Ipsa, mentre la fase difensiva, per il resto della partita, va rivista. .

 

Ipsa 5 – Anche per lui, come tutto il pacchetto difensivo, una prestazione non brillante. Colpevole in più di un frangente, pecca in attenzione e, soprattutto nella ripresa, si scioglie, concedendo larghi spazi al Chievo.

 

Maicon 6 – Nella prima mezz’ora è pressoché nullo, la Reggina cerca di pungere solo a sinistra, mentre da quest’altro lato si fa una fatica bestiale, soprattutto per la buona vena difensiva di Pamic. Pochi spazi per lui, ma poi cresce, e nella ripresa comunque ci mette impegno e corsa.

 

Dall’Oglio 6 – Garantisce un buon sostegno, in termini di corsa e cattiveria, in entrambe le fasi, anche se in occasione del terzo gol del Chievo è lo stesso Atzori a rimproverargli di non essere riuscito a colmare a dovere le distanze tra i reparti. Alla mezz’ora grande punizione che colpisce il palo, sfortunato nel frangente.  Dal 62’ De Rose Sv

 

Rigoni 6 – Ci teneva a figurare contro il Chievo, squadra che lo ha visto crescere e in cui milita il fratello. Sicuramente la prova, considerata la caratura dell’avversario, è da considerarsi comunque positiva. Nel primo tempo amministra con dovere la propria porzione di campo, mentre il fluido scema nella ripresa.

 

Sbaffo 6 –  Quando Fischnaller non riesce ad essere il primo a disturbare Acosty, è lui a muoversi per limitarlo, andando a tagliare la diagonale difensiva verso sinistra per chiudere l’avversario.  Molto ordinato a centrocampo, arriva anche la conclusione a rete, con Silvestri costretto ad accorciarsi per chiudere in angolo. Scema un po’ nella ripresa. Dal 75’ Di Michele Sv

 

Foglio 5,5 – E’ il più in palla dei suoi nella prima mezz’ora, spesso raggiunge il fondo, confezionando qualche buon cross viscido e carico di pericolosità. Poi un drastico calo, soprattutto in fase di contenimento, culminato nel quarto gol del Chievo, quando si fa bruciare in velocità da un avversario.

 

Fischnaller 5,5 – Ha il compito di dare dinamismo e imprevedibilità all’attacco, non perdendo di vista nemmeno Acosty quando si tratta di accorciare. Molto mobile su tutto il fronte, da rivedere invece proprio i raddoppi sull’interessato Acosty. Al 53’ avrebbe l’occasione di portarsi a rete, ma su uno svarione in disimpegno del Chievo si impalla con la sfera tra i piedi, vanificando così una buona azione.  Dal 59’ Maza 6 – Nel finale costruisce qualcosa, ma i giochi erano già fatti.

 

Cocco 5,5 – Pecca in decisione, in più di un frangente potrebbe entrare con più convinzione sulla sfera. Oggi il compito era più difficile, ma i palloni sfruttabili, negli ultimi sedici metri, sono comunque arrivati.

 

Mister Atzori 6 – Si presenta in panchina con praticamente nessun allenamento con la Reggina e si affida a molti titolari della precedente gestione. La squadra pecca nella prima  mezz’ora del match, poi sul finale di tempo un moto d’orgoglio cambia un po’ le carte in tavola. Nel secondo tempo esce fuori la differenza di categoria, ma ovviamente la sua mano si vedrà dalle prossime uscite.

F.M.