Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Cittadella-Reggina, le parole dei protagonisti

Cittadella-Reggina, le parole dei protagonisti

Jozic (Vice Allenatore Reggina) – “Di oggi teniamo la prova difensiva e quella di non possesso, mentre dobbiamo lavorare ancora molto per quanto

riguarda l’impostazione. Oggi era difficile, le condizioni climatiche non erano delle migliori. La squadra deve credere di più nelle proprie capacità: sarebbe servita un pizzico in più di convinzione, però va detto che non abbiamo preso neanche un tiro in porta. Il cambio di Cocco? Serviva un calciatore che proteggesse palla e facesse salire la squadra, e lui era calato fisicamente. Sbaffo non è entrato inizialmente in partita, abbiamo così deciso di cambiare gli esterni”

Foti (Patron Reggina) – “Di oggi prendiamo per buono il risultato, che sarebbe potuto essere migliore con un pizzico di convinzione in più. Vediamo se le sofferenze di una classifica non positiva potranno diventare, col tempo, soddisfazioni. Nuovi soci? C’è un sogno, che è quello di dare ai tifosi della Reggina un proprio stadio. Stiamo lavorando in questa direzione, vediamo se sarà possibile o meno. In momenti del genere sto vicino alla squadra, ma non nascondo che eravamo partiti con l’intenzione di regalare soddisfazioni ai tifosi, mentre ci troviamo a soffrire.

Foscarini (Allenatore Cittadella) – “Con l’ingresso di Di Roberto la squadra ha cambiato passo. Le condizioni climatiche hanno condizionato più noi che la Reggina, ma non abbiamo fatto granché per provare a vincere questa partita. Delle assenze non voglio parlare”.

Sbaffo (Centrocampista Reggina) – “Il campo di Cittadella è difficile, quindi il punto è buono. Magari con qualche azione sporca avremmo addirittura potuto colpire l’avversario. Destra o sinistra? Per caratteristiche non mi cambia molto. Devo crescere molto sul piano fisico, ma non considero la mia prova negativa. Abbiamo cambiato modulo e dobbiamo assorbire le nuove idee tattiche. Ci tengo a sottolineare che il pareggio di oggi è un risultato di squadra, perché i giornalisti tendono sempre a evidenziare la mancanza di gruppo”.

Fonte Radio Touring 104