Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina aspetta Castori, si passa alla difesa a quattro?

La Reggina aspetta Castori, si passa alla difesa a quattro?

castori_fabrizio

Raggiungerà la città dello Stretto nelle prossime ore e, considerato il lungo viaggio, appare difficile che Fabrizio Castori si sia scomodato per fare

centinaia di chilometri in aereo per una semplice gita di piacere.

Allo stato attuale si attende solo il comunicato ufficiale che porterà l’ex tecnico dell’Ascoli a sedere sulla panchina amaranto.

Una soluzione di emergenza, determinata anche dalla necessità di scegliere un allenatore che non portasse dietro tutto un suo staff, considerati Atzori e Dionigi con i rispettivi uomini a libro paga in via delle Industrie, ma non per questo una semplice pezza da mettere in una situazione complicata..

Castori in carriera ha conquistato sette promozioni.  Il suo modulo preferito è il 4-3-3 e, dovesse mantenere la sua filosofia che prevede la difesa a quattro , segnerebbe un solco di discontinuità con il 3-5-2 di Atzori, abbandonato solo in due circostanze in questa stagione. 

L’ultima stagione l’ha trascorsa al Varese, senza concludere un campionato che l’ha visto esonerato dopo cinque punti in cinque partite che avevano segnato l’uscita dalla zona playoff dai lombardi, allontanatisi ulteriormente dai primi sei posti con l’avvento del nuovo allenatore.

Nel corso delle sue esperienze da allenatore è spesso diventato l’idolo della tifoseria per il suo modo di vivere il calcio e le partite. Carisma e grinta sono le sue caratteristiche peculiari. Forse anche troppa grinta, dato che qualche anno fa prese tre anni di squalifica (poi ridotti a due) quando si trovò coinvolto in una rissa in una sfida playoff tra Lumezzane e Cesena che portò i suoi romagnoli in Serie B.

59 anni, marchigiano di San Severino, ha allenato in tutte le categorie che vanno dall’Eccellenza alla Serie B.  Grandi risultati, ma anche esoneri nella sua lunga carriera.

Castel di Sangro, Lanciano, Cesena, Salernitana, Piacenza e Ascoli le piazze calcate in carriera, prima dell’esperienza in Lombardia.

Con i bianconeri nel 2011 un subentro e un grande risultato, con una salvezza nonostante sei punti di penalizzazione in un’annata colma di difficoltà economiche.