Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Modena-Reggina, le pagelle di Strill.it

Modena-Reggina, le pagelle di Strill.it

Benassi 6 – Deve sempre stare sentinella, perché sa che Mazzarani e Babacar possono accendersi da un momento all’altro. Lo capisce al 6’, quando

l’attaccante di Thiès lo chiama ad un intervento provvidenziale.

Adejo 6 – A turno, Babacar chiama all’attenti tutti. Sul gioco aereo Lucioni, con la palla a terra Adejo o Ipsa. Il nigeriano soffre l’imprevedibilità e lo strapotere fisico, specie nella ripresa, ma non sempre si fa saltare.

Lucioni 6,5 – L’unico dei suoi a crederci fino alla fine. Le difficoltà degli amaranto sono, è evidente, dalla trequarti in su. Lui funge da difensore centrale (e Babacar trova pane per i suoi denti), uomo di impostazione (basta vedere le sventagliate che innescano il gioco amaranto sulla sinistra) e attaccante. Già, perché quando Gerardi non ne ha più, non è difficile trovarlo in avanti a lottare contro i colleghi emiliani. L’azione più ghiotta della Reggina è il suo colpo di testa.

Ipsa 5,5 – Soffre gli avanti del Modena, e dei difensori è quello che lo mette più in evidenza. È in colpevole ritardo sul primo gol. Anticipa qualche volta bene Mazzarani, ma è evidente come contro Babacar abbia poco da imporre. Sul terzo gol il senegalese è un treno, lui non può far altro che lasciar strada.

Di Lorenzo 5,5 – La prova non è pienamente insufficiente fino al rigore che chiude il match. L’aggancio su Molina è evidente, il brevilineo gli viene via con troppa facilità.

Dall’Oglio 5 – Se Babacar è l’uomo in più, bisogna dire che la chiave di lettura della vittoria modenese può essere scoperta a centrocampo. Poco collante tra difesa e attacco, l’intensità emiliana condiziona anche la sua prova. Col pallone tra i piedi manifesta qualche incertezza sul cosa fare: al 33’ c’era liberissimo Falco sulal sinistra, ma lui si complica la vita con un passaggio nel nulla. Ancora una volta sostituito. Dal 38’st Sainza Maza SV

De Rose 5,5 – Passo indietro rispetto alla sfida contro l’Empoli, visto che non riesce a incidere sullo strapotere del Modena, in mezzo. Dal 15’st Louzada 6 – Molto volenteroso, fa vedere che vuole impressionare Atzori. Ma a parte qualche buona giocata, è troppo lontano dalla zona pericolo per il Modena.

Strasser 4,5 – Corre pochissimo, e ancora meno cerca la verticalizzazione. I compagni lo trovano a stento, lui si nasconde sempre dietro passaggi orizzontali che anestetizzano ancor di più il ritmo di una Reggina assente, specie nel secondo tempo.

Foglio 5,5 – Parte forte, ma già dopo dieci minuti la carica va svanendo. Al 15’ resta in canna un buon passaggio a Gerardi lanciato a rete, e dopo il gol la tensione gli fa sbagliare qualche stop facile. È costretto a dare forfait. Dal 39’pt Caballero 5,5 – Ci mette volontà, ma non riesce a incidere sul match. Anzi, si fa notare poco-nulla.

Fischanaller 5 – Molto mobile, dà imprevedibilità ad un attacco, nel primo tempo, piuttosto statico. A volte tiene troppo il pallone tra i piedi. Al 40’ è splendido l’invito per Lucioni che si fa murare. In soldoni, un primo tempo buono. Alt, fino al quarantunesimo: poi si becca due ammonizioni ingenue e in una manciata di minuti lascia i suoi in dieci per un tempo.

Gerardi  5,5 – Si fa notare troppo poco. Nel secondo tempo la  Reggina soffre terribilmente  la mancanza di un terminale capace di assistere la manovra.

Atzori 5 – Perde una partita che poteva valere tanto. Doveva essere la prova che quella contro l’Empoli  non era un’uscita unica. La continuità non c’è. Assenze pesanti da alibi, ma dalla cintola in su la Reggina è pochissima roba.

f.m.