Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Verso Modena-Reggina: Maza si o Maza no ? E in che ruolo?

Verso Modena-Reggina: Maza si o Maza no ? E in che ruolo?

miguel_maza
Gli allenamenti a porte chiuse imposti da Atzori, non permettono di valutare con riscontri effettivi quelle che sono le valutazioni tattiche che il mister sta

studiando in vista della sfida di sabato contro il Modena.
Gli interrogativi nascono dal bisogno di dedurre come il tecnico di Collepardo si porrà di fronte al problema di sostituire David Di Michele. Dato per probabile l’utilizzo di Gerardi come prima punta, bisogna valutare ora con quale schema la Reggina affronterà i canarini.
Difficile ipotizzare che l’assetto visto contro l’Empoli possa subire mutamenti di forma. Il gioco non è dispiaciuto, visto che gli amaranto si trovavano di fronte ad una delle migliori compagini del torneo. Le impostazioni di gioco dei toscani, però, sono assai differenti rispetto a quelle del Modena: da un lato il palleggio, dall’altro la densità.
Sono cinque, infatti, gli uomini schierati a centrocampo da Novellino, con un unico effettivo terminale che risponde al nome di Babacar. Da qui il concreto bisogno di riaffidarsi al 3-5-2.
Maza sì, Maza no? L’ex Barcellona B, contro l’Empoli, ha ricoperto uno spazio giocabile un po’ più avanzato rispetto alla linea di centrocampo, risultando praticamente a metà tra una mezz’ala e un rifinitore. Se Atzori decidesse di schierarlo come seconda punta, largo a Rigoni dal primo minuto, con Dall’Oglio e uno tra De Rose e Strasser a completare il terzetto. Se, invece, lo spagnolo dovesse essere riproposto nelle vesti di sabato sera, è probabile che uno tra Fischanaller e Falco (l’altoatesino in pole) faccia da orbitale a Gerardi. Salvo sorprese, ovviamente, perché le porte chiuse permettono di sbilanciarsi e nulla più. Se ne saprà di più, forse, in conferenza stampa, prima della partenza per l’ Emilia.