Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Foti: ‘Deluso dall’avvio, ora è dura. Vi racconto Pirlo e Baggio. Offerte per cedere il club? Mai arrivate. Giacchetta…”

Reggina, Foti: ‘Deluso dall’avvio, ora è dura. Vi racconto Pirlo e Baggio. Offerte per cedere il club? Mai arrivate. Giacchetta…”

“I risultati quest’anno non sono corrisposti al mio desiderio. La squadra può confrontarsi con chiunque. Abbiamo delle pecche che devono essere

migliorate. Ci è mancato un avvio brillante e adesso è diventata più dura”.
Parla attraverso una lunga intervista rilasciata a L’ora della Calabria il presidente della Reggina Lillo Foti e lo fa sottolineando ancora come l’inizio di stagione stentato sia stato per la proprietà motivo di delusione.
“Sabato è’ stato strano sentire contro Giacchetta, generalmente se la sono presa sempre con me e a fine partita l’ho chiamato per il passaggio di consegna (ride ndr). Io però dirò sempre “Grazie Reggio”. Ho dato tanto alla Reggina, ma ho ricevuto tantissimo, soprattutto in termini di emozioni”
Nel corso dell’intervista sono stati approfonditi vari aneddoti legali alla storia amaranto dall’avvento di Lillo Foti in poi.
“Pirlo? Lo incontrai sabato mattina a Milano, compilammo i documenti in Via Marina  e subito dopo volle prendere la macchina per raggiungere la squadra in ritor a Bologna.  Andò in campo al Dall’Aara e fece l’assist per Possanzini.  Di lui non dimenticherò mai quando lo vidi ballare sui tavoli con la bandana”.
Indimenticabile l’infinita trattativa per Roberto Baggio: ”Lo andrai a trovare a Caldogno, in un giorno di caldo bestiale. Lo avevamo preso, poi si inserì il Brescia che gli consentì di restare vicino casa.  Sarebbe sceso a Reggio ogni mercoledì, in trasferta si sarebbe aggregato in ritiro. Con l’allenatore ci avrei parlato io”.
Tra i tanti argomenti toccati spzio ai rapporti con le altre società calabresi, con cui Foti svela di avere ottimi rapporti e di avere qualche difficoltà solo con il Catanzaro: “Io mi sono sempre comportato bene, altri con me no”.
Inevitabile uno sguardo allo stato di salute del club: ”La Reggna è forte e ricca, con dei valori importanti. Le difficoltà sono le stesse del contesto di questo paese. Offerte per cedere la proprietà? Mai arrivate, forse dovrei fare due passi indietro…”.