Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, ecco come la Salernitana può ”esonerare” Atzori…

Reggina, ecco come la Salernitana può ”esonerare” Atzori…

dionigi_reggina_2013
Se ci fosse un euro da scommettere, ad ora andrebbe puntato sulla conferma di Atozri per Reggina-Empoli, in programma sabato sera al Granillo.

In questo momento la posizione del tecnico è resa salda da un allenamento da guidare già questo pomeriggio e soprattutto dal fatto che la settimana prossima la scelta potrebbe essere svincolata da calcoli puramente economici e non ci si dovrebbe accontentare di ciò che passa il convento, qualora gli amaranto continuino a offrire risposte negative sul campo.
E’ Lotito che può dare una mano in tal senso.  Il presidente della Lazio, con cui la Reggina ha sempre avuto difficoltà a chiudere trattative perchè “è così quando si parla la stessa lingua” ebbe modo di sottolineare il patron biancoceleste,è anche il proprietario della Salernitana dove Sanderra cammina sulla bucce di banana.
L’attuale tecnico granata è stato messo sulla graticola dai tifosi, che vorrebbero un ribaltone al timone dei campani.
E per la sua successione si fa il nome di Davide Dionigi, che accordandosi con la Salernitana libererebbe la Reggina del suo ingaggio e degli stipendi del suo staff, ancora a libro paga per la società di Via delle Industrie dove figurano anche Gianluca Atzori e tutti i suoi “uomini”.  Aggiungere una terza spesa analoga in questo momento potrebbe diventare insostenibile.
Sanderra, a parole, è stato confermato dalla dirigenza, ma sotto traccia si sta lavorando a un successore se ad Ascoli non dovesse arrivare un risultato positivo e una prestazione convincente.  I granata puntano al ritorno in B e sono già a nove punti dalla vetta, in un’anonima posizione di metà classifica.
La sconfitta casalinga contro L’Aquila pare aver lasciato il segno nell’ambiente e Dionigi conosce già Guazzo e Mendicino, uomini di punta della Salernitana che ha già allenato nell’ottima esperienza di Taranto.