Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Trapani-Reggina, le parole dei protagonisti

Trapani-Reggina, le parole dei protagonisti

GIANLUCA ATZORI (REGGINA)
“Mi assumo tutte le responsabilità per questa sconfitta. Abbiamo trovato un Trapani stellare, hanno tanti meriti, ma altrettanti sono i nostri demeriti. Il

campionato è lungo, dobbiamo dare a questa squadra il tempo di crescere e di amalgamarci. Questa sconfitta ci riporta coi piedi per terra.  Il Trapani può essere la sorpresa del campionato. Rigoni davanti la difesa? Per arginare Djuric. Dall’Oglio? Avevo bisogno di tre centrocampisti”.
DAVID DI MICHELE (ATTACCANTE REGGINA)
“Abbiamo fatto un primo tempo così così. Ci siamo disuniti e e il Trapani ci ha preso di soprassalto. Bisogna rivedere tante piccole cose e lavorare tanto, oggi si è visto.   Il nostro obiettivo è la salvezza, oggi è andata malissimo e bisogna reagire, capire e fare un’esame di coscienza tutti quanti, chi ha giocato e chi non ha giocato. Si perde e si vince in trenta. Io non reggo i novanta minuti? Ho 37 anni, ma mi alleno e corro come gli altri”.
FABIO LUCIONI (DIFENSORE REGGINA)
“Bisogna lavorare, ci serve un altro piglio in trasferta.  Bisogna fare meglio su avversari bravi di testa come Djuric. La nostra prestazione non dipende dal modulo”.
SIMONE RIZZATO (CENTROCAMPISTA TRAPANI)
“Alla Reggina può capitare una giornata storta, noi ci abbiamo messo del nostro. Spero che la Reggina si riprenda presto, ogni domenica mi rivedo la partita perchè sono affezionato alla città e il mister in settimana saprà dove mettere le mani, perchè c’è un organico che può far bene.  Il mancato accordo sul rinnovo? Sono state fatte delle scelte e vanno accettate, la società ha valutato la stagione precedente e magari, io che sono obiettivo, penso che non mi sono meritato il rinnovo. Non c’era nessun motivo di rivalsa, la Reggina mi è rimasta nel cuore e il bel ricordo di Reggio è sempre vivo”.
Fonte : Radio Touring 104