Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, una vittoria striminzita (1-0) e un pareggio (0-0) nel triangolare con Fermana e Matelica

Reggina, una vittoria striminzita (1-0) e un pareggio (0-0) nel triangolare con Fermana e Matelica

reggina_logo
Prima uscita della seconda parte del ritiro precampionato della Reggina, che dopo il periodo trascorso a San Giovanni in Fiore si  è spostata a Fabriano.

Ancora avversari di caratura inferiore per gli amaranto, che sono stati impegnati in un triangolare con due formazioni che prenderanno parte al prossimo campionato di Serie B: la Fermana e il Matelica.
Nella prima sfida sono state proprio le altre due compagini ad affrontarsi con la vittoria di questi ultimi.
Nel secondo incontro del mini-torneo la Reggina se l’è vista con la Fermana, imponendosi per 1-0 con la realizzazione di Fischnaller.  Ancora una volta  è l’altoatesino il mattatore in un primissimo scorcio di stagione che lo sta vedendo grande protagonista, in un periodo in cui la formazione dello Stretto conta di recuperare Di Michele, in ripresa dopo l’intervento di ernia inguinale, e una certa concretezza sotto porta che pare mancare in queste prime uscite contro avversari non irresistibili.
Atzori ha schierato la squadra con il consolidato 3-4-1-2 con il pacchetto arretrato davanti a Baiocco composto da Adejo, Ipsa e Lucioni.   Sugli esterni di centrocampo Caballero e Barillà, Bomagi e De Rose sulla mediana.  L’ultimo arrivato Sbaffo ha occupato la posizione di trequarista alle spalle di Fischnaller e Gerardi.
Modulo analogo nella seconda sfida contro il Matelica.  Zandrini in porta, difesa confermata in blocco,  il francese Legras (in prova e lanciato verso un probabile tesseramento)  al fianco di Bombagi,  Caballero ancora a destra e Contessa a sinistra, con Sbaffo in appoggio alla prima linea composta da Gerardi e dal giovane brasiliano Louzada.
La girandola di sostituzioni ha comunque dato spazio a tutti meno il terzo portiere Licastro, DI Lorenzo, Colucci e Maicon.  Per questi ultimi due probabili problemi di natura fisica.
La poca brillantezza della Reggina offre solo una spiegazione parziale dello 0-0 non esaltante ottenuto nei secondi quarantacinque minuti.