Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B – Vicenza-Reggina, le pagelle di Strill.it

Calcio, Serie B – Vicenza-Reggina, le pagelle di Strill.it

BAIOCCO 7,5 – Con tutta la potenza mediatica che una parata decisiva al 95′ ti dà si prende la scena dell’ultimo campionato e non solo. Riscatta ampiamente qualche indecisione nella parte iniziale della stagione, scotto da pagare per un esordiente.
ANTONAZZO 6,5 – Prova attenta, anche in una posizione che forse non è quella più consona alla sua caratteristica di fluidificante. Semioli si vede poco.
ADEJO 7 – Le prende tutte, non sbaglia nulla.  Torna la versione “Insuperabile” del nigeriano, ormai reggino d’adozione.
BERGAMELLI 6 – E’ la sua giornata fortunata, dopo una buona prova, quel liscio poteva compromettere l’intera stagione.  Pagherà almeno una cena a Baiocco.
RIZZATO 6 – Quarto a sinistra di difesa. Non sembra la migliore posizione per lui, risponde con abnegazione, spirito di sacrificio e sagacia tattica.
ARMELLINO  6 – Gettato a sopresa nella mischia, meglio in fase di contenimento che propositiva, dove non offre la qualità che si gli si richiede.
HETEMAJ 6,5 – Uno dei migliori in questo finale di stagione.  Una diga.
COLUCCI 6 – Non ha mai trovato la condizione migliore, pur dando sempre la sensazione di essere uno dei pochi a saper cosa fare col pallone tra i piedi. L’anno prossimo potrà essere una grande risorsa.
BARILLA’ 6,5 –  E’ uno dei leader della squadra, in alcune fasi del gioco, anche se la prestazione non è all’altezza delle sue migliori, lo si nota ampiamente.
CAMPAGNACCI 6 – Il gol di Cittadella ha fatto svoltare la Reggina, anche lui non è ancora al top e con generosità prova a prodigarsi per la squadra.
DI MICHELE 6 – Basta solo il nome per spaventare gli avversari. A Vicenza è poco proiettato verso la porta avversaria, , ma la sua presenza si avverte comunque.
GERARDI S.V.
ELY S.V.
PILLON 6,5 – Raccoglie i frutti del proprio lavoro e quello di Davide Dionigi, il cui contributo non va dimenticato seppur compromesso da qualche peccato di inesperienza.  I meriti del tecnico di Preganziol sono comunque evidenti, soprattutto nelle gestioni del gruppo nei momenti più bui.