Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B: Reggina-Grosseto 1-0, Di Michele porta la Reggina a un punto dalla salvezza

Notice: Trying to get property of non-object in /var/www/vhosts/sport.strill.it/httpdocs/wp-content/themes/sahifa/framework/parts/post-head.php on line 73

Calcio, Serie B: Reggina-Grosseto 1-0, Di Michele porta la Reggina a un punto dalla salvezza

di_michele_maglia343423234342
di Pasquale De Marte – Un punto per non pensarci più. Un punto per mettersi alle spalle una stagione straordinariamente

deludente, con i minimi danni.

La possibilità di essere ancora una volta padroni del proprio destino è  il regalo che David Di Michele fa alla sua Reggina, con un gol che scaccia i fantasmi che sembravano tornare prepotentemente ad aleggiare sul futuro amaranto.
Molto più dura del prevvisto , ma la missione è compiuta.  Il Grosseto, fanalino di coda e già retrocesso,  perde al Granillo e, anche se non sarà assolutamente facile,  basterà uscire indenni dal ‘Menti’ di Vicenza, a caccia di un posto nei playout,  per non dover, tra sette giorni, attaccare l’orecchio alla radiolina e aspettare buone nuove dagli altri campi, che potrebbero comunque salvare gli amaranto di Pillon, anche se sconfitti in Veneto.
SORPRESA – Al Granillo ci sono in campo le motivazioni di chi ha visto avvicinarsi la salvezza solo sette giorni prima, la spensieratezza di chi invece l’ha vista sfumare da diverse settimane.   Lo scarto emotivo, però,  sembra tirare un brutto scherzo a chi dovrebbe andare, ad ogni costo, alla ricerca dei tre punti.
Gli amaranto, infatti, pur tenendo il pallino del gioco non riescono mai ad affondare nella difesa maremmana, organizzata con ordine e resa più tranquilla dalla leggerezza di chi non ha nulla da chiedere al cammpionato.
Frenesia, precisione e mancanza di idee non sono buone compagne per la manovra dei padroni di casa.
SCELTE IN CORSA – Nel 4-4-2 iniziale Pillon sceglie Antonazzo e D’Alessandro sulla corsia di destra, ma già nel primo tempo opta per una maggiore propulsione offensiva sulla fascia rimpiazzando l’ex reggiano con Fischnaller.
E’clamorosa l’occasione sciupata dai toscani in avvio di ripresa: Piovaccari si libera e raccoglie una palla vagante in area in occasione di un corner, sul primo tentativo si oppone Baioco e sul secondo, a porta sguarnita,non trova la porta da due passi.
L’enorme fatica nel penetrare pericolosamente nell’area del Grosseto è un fardello che resta a carico della Reggina anche per larghi tratti  della seconda frazione del match.
QUANTA PAURA PRIMA – I livelli di paura raggiungono livelli altissimi quando quando ancora Piovaccari, sempre a tu per tu col portiere, conclude “in bocca” all’estremo difensore reggino.
La gara con le squadre che si allungano, a un certo punto, diventa la fiera dei rimpianti per la Reggina: Fischnaller dopo essersi bevuto l’intera difesa avversaria non riesce a superare Lanni sul primo palo, che poi  si ripete su una conclusione violenta ma centrale di un Gerardi libero di concludere in area e successivamente è strepitoso su una girata di Di Michele,con la palla sulla traversa dopo la deviazione.
Su un colpo di testa di Antonazzo, finito di pochissimo a lato, sembrano spegnersi le speranze di fare tre passi verso la salvezza.  Ma il finale è un altro da quello che sembra già scritto: a quattro minuti dal novantesimo un altro jolly, come quello di Campagnacci a Cittadella, cambia il destino della Reggina.  David Di Michele calcia a giro una punizione dal limite che finisce in fondo al sacco dopo aver sorpassato la barriera.
E’ un gol che fa esplodere un Granillo più gremito del solito (oltre 1000 paganti), ma lontanissimo dall’essere lo scenario di un tempo. Ma quella è un’altra storia.

EGGINA-GROSSETO   1-0, IL TABELLINO

Marcatori: 86′ Di Michele

REGGINA (4-4-2): Baiocco, Antonazzo, Adejo, Bergamelli, Rizzato; D’Alessandro (35′ Fischnaller), Colucci (85′ Bombagi), Hetemaj, Barillà; Di Michele, Gerardi (70′ Campagnacci). A disp.: Facchin, Ely, Armellino, Di Bari. All.: Bepi Pillon

GROSSETO (4-2-3-1): Lanni, Padella, Feltscher, Biraschi, Calderoni; Obodo, Coulibaly; Gimenez (45′ Som), Brugman, Foglio (37′ Mandorlini); Piovaccari (72′ Donati). A disp.: Franza, Crimi, Som, Lupoli, Marinelli. All.: Francesco Moriero

Arbitro: Cervellera di Taranto

ammonito: Padella (G), Fischnaller (R)

Note: paganti:1145, incasso pari a 9020 euro. Abbonati 2890, quot abbonati 11421, 50 euro.