Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Sassuolo, le pagelle di Strill.it

Reggina-Sassuolo, le pagelle di Strill.it

di Danilo Santoro – BAIOCCO 5,5 – Incolpevole sui goal del Sassuolo, non può fare altro che raccogliere la palla in rete.

ELY 5 – Non è proprio serata per il centrale scuola Milan. Sbaglia tutto in occasione del primo goal emiliano concedendo una grande giocata a Boakye.

Dal 50′ CAMPAGNACCI 5,5 – Cerca di dare il suo contributo con grande umiltà ma la condizione è lontana e pare molto limitato.

BERGAMELLI 5 – Non commette errori madornali ma come tutta la difesa soffre lo strapotere della capolista.

DI BARI 5,5 – Prima impiegato come terzino nella difesa a quattro poi centrale con l’uscita di Ely. Soffre paurosamente le incursioni degli avanti biancoverdi che sembrano essere in ventidue in campo.

D’ALESSANDRO 5 – Veramente poco da dire. Non si vede mai ne in fase difensiva ne in fase offensiva.

Dal 76′ ANTONAZZO sv

COLUCCI 5 – Ci prova, ma da solo non può far nulla. Prova a dettare i tempi del centrocampo ma i suoi lanci spesso è volentieri sono come ‘perle ai porci’.

Dall’85’ FISCHNALLER sv

HETEMAJ 4,5 – Nel primo tempo sbaglia praticamente tutto. È spaesato e la pressione degli ospiti lo manca in tilt. Nella ripresa scompare completamente dalla manovra.

ARMELLINO 5,5 – Si impegna risultando addirittura il più pericoloso in zona offensiva sfiorando il goal di testa per due volte.

RIZZATO 5,5 – Nella prima parte di gara viene impiegato con molto sacrificio nel ruolo di ala offensiva. Nella ripresa torna al suo consueto ruolo ed è, come sempre, uno degli ultimi a mollare.

SARNO 5 – Non si vede per nulla. Soccombe e patisce lo strapotere fisico dei suoi avversari. Troppo prevedibili le sue giocate quando è costretto sulla destra.

COMI 6 – Servirebbero undici Comi. Lotta praticamente da solo contro tutta la difesa ospite prendendo botte a non finire. Nonostante la poca o nulla assistenza rischia di segnare.

PILLON 5,5 – Paura no, ma contro la capolista c’è veramente poco da fare. Parte con un abbottonatissimo 4-5-1 cercando di limitare i danni ma, quando davanti hai elementi come Boakye e compagni non c’è molto da fare. La squadra è parsa impaurita al massimo con poche idee e, alle volte, imbarazzante. La posta in palio era alta e la sconfitta di oggi mette in serio pericolo anche la zona play out.