Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Ascoli-Reggina, le parole dei protagonisti. Pillon: ‘Solo un piccolo passo verso i 50 punti’

Ascoli-Reggina, le parole dei protagonisti. Pillon: ‘Solo un piccolo passo verso i 50 punti’

Fonte: Radio Touring 104

Foti: “Prima della gara ho parlato con la squadra dicendo ai ragazzi di calarsi nei panni di chi deve soffrire per guadagnarsi i risultati e la risposta oggi è arrivata. L’approccio di Pillon è sicuramente positivo, già domenica avremo un’altra sfida molto complicata. Il ritorno di Pillon è stato dettato dalla grande professionalità e dalla grande impressione che aveva destato. Oggi tutta la squadra era con la testa giusta per cercare di portare a casa un risultato positivo e conquistarlo in un campo così difficile è confortante.

I tre punti sono salutari anche se la classifica è ancora deficitaria, ci sono ancora dieci partite e dobbiamo concentrarci al meglio per l’impegno con la Juve Stabia”.

Colucci: “Una vittoria importante che da morale, sapevano che era uno scontro diretto e abbiamo dato tutto, ci ripaga di una settimana di ritiro dove siamo stati molto sotto pressione. Le critiche fanno parte del calcio, sapete quanto io è Di Michele ci teniamo a questa maglia, per dare peso a questa vittoria si deve fare qualcosa d’importante domenica, dobbiamo cercare di prendere un filotto di vittorie. Il post Cesena è stato duro, complimenti a mister Pillon che ha dato tranquillità all’ambiente. L’Ascoli deve salvarsi, noi avevamo più cattiveria”.

Di Michele: “Sono arrivato con tante aspettative e abbiamo dimostrato che quando c’è da dare qualcosa in più ci siamo. La squadra ha sempre fatto bene anche se in passato abbiamo avuto qualche sbavatura di troppo, dobbiamo continuare così abbiamo altri 10 scontri diretti. Abbiamo giocato in contropiede che è la nostra arma migliore. Il ritiro l’abbiamo vissuto con tanto rammarico, mister Dionigi aveva lavorato bene e ci è dispiaciuto tantissimo per l’esonero. Il goal su punizione era stato studiato con mister Dionigi e con il suo secondo Lorenzo Sibillano, anche in futuro useremo questi schemi perché sono validi e mettono in difficoltà gli avversari. L’impatto con Pillon è stato positivo, c’ha rimesso in piedi mentalmente”.

Pillon: “Siamo partiti con un po’ di timore poi piano piano siamo usciti, la squadra ha fatto quello che avevo chiesto, abbiamo controllato bene situazione. È stato un piccolo passo dobbiamo arrivare al più presto a 50 punti e la strada è ancora lunga. In base all’avversario ho cercato di dare più sicurezza alla squadra, in due giorni si può inventate poco. Ho trovato una squadra dispiaciuta per l’esonero poi con il lavoro si sono concentrati e da oggi li ho visti più tranquilli, ero sicuro di un’ottima prestazione. Abbiamo fatto la partita sull’avversario cercando di ripartire sfruttando la velocità di Di Michele contro una difesa lenta. Appena ho ricevuto la telefonata del presidente non ho potuto dire no.

Dobbiamo metterci in testa che tutti insieme possiamo uscire fuori da questo momento, tifosi, giocatori, dirigenza, tutti insieme possiamo raggiungere la salvezza. Quando un allenatore subentra deve adattarsi al materiale umano che ha a disposizione”.