Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B: Reggina-Spezia 1-1, Colucci riprende lo Spezia

Calcio, Serie B: Reggina-Spezia 1-1, Colucci riprende lo Spezia

colucci_maglia

di Pasquale De Marte – Serviva una reazione dopo la bruttissima prestazione di Lanciano ed arriva a metà.  La Reggina non riesce ad avere la meglio

sullo Spezia e, addirittura dopo essere andata sotto, porta a casa un punto che non soddisfa l’ambiente, ma che sta stretto per la mole di occasioni da rete avute.

I limiti e le lacune restano evidenti, gli svarioni difensivi una spiacevole consuetudine.  E’ bastato, tuttavia, abbandonare l’atteggiamento troppo remissivo delle ultime settimane per dare la parvenza di essere una squadra in grado, a tratti, di imporre il proprio gioco, seppur contro un avversario in difficoltà e reduce dalla tennistica (6-0) sconfitta casalinga subita contro il Novara.

Le iniezioni di fiducia non ci sono e il turno infrasettimanale, oltre all’amarezza di un risultato pieno che sarebbe dovuto arrivare e non arriva, regala le preoccupazioni di una classifica resa ancor più complicata dai risultati dalle altre.

CAMBIAMENTI – Dionigi cambia qualcosa nella formazione iniziale rispetto a Lanciano e sceglie Campagnacci per dare propulsione a una manovra apparsa piuttosto spuntata nella trasferta abruzzese.

L’attaccante umbro agisce da raccordo tra il centrocampo e l’attacco.

LIGURI AVANTI – Il 4-2-3-1 di Gigi Cagni, all’esordio sulla panchina ligure, risulta efficace quasi subito, soprattutto per la negligenza della retroguardia amaranto.  Al 12’ Okaka sfugge ad Adejo e un lancio dalle retrovie diventa un assist per l’ex centravanti della Roma che, con la punta, supera Baiocco in uscita.

OCCASIONI SPRECATE – I padroni di casa non incantano, ma i problemi dello Spezia sono evidenti e anche senza un grande ritmo gli ospiti vanno in difficoltà difensiva sugli attacchi reggini che in almeno tre cirostanze sfiorano il pari:  con Di Michele abile al liberarsi al tiro in area, non a trovare l’angolo più lontano, poi due volte con Gerardi che prima ci prova dal limite e trova l’opposizione del portiere Iacobucci, poi si divora il pareggio da un metro non ribadendo in rete un tentativo di testa di Campagnacci, respinto non benissimo dall’estremo difensore.

Sull’altro versante è Okaka a non avere la freddezza per siglare la doppietta da pochi passi, anche se da posizione defilata.

PARI IN AVVIO DI RIPRESA – Che più di una cosa non gli vada a genio, Cagni lo lascia intendere con il doppio cambio di inizio ripresa che porta in campo Pichlmann e Pasini.

Al 47’ Colucci con un destro radente  dai venticinque metri trova la traiettoria giusta e l’angolino.

Le squadre si allungano e gli spazi si moltiplicano. La sfortuna  si accanisce con gli amaranto quando Gerardi prova a risolvere una mischia ma colpisce il palo.

Allo Spezia manca la capacità per ripartire pericolosamente in contropiede e la Reggina riesce a mantenersi in costante proiezione offensiva nella fase finale del match.

Poche però le vere conclusioni verso la porta, l’ultima è una girata di Comi che termina di poco a lato.

REGGINA-SPEZIA 1-1, IL TABELLINO

REGGINA (3-5-2): Baiocco; Adejo, Freddi (80’ Ely), Di Bari; Antonazzo (59’Antonazzo), Hetemaj, Colucci, Campagnacci, Rizzato; Gerardi (65’ Comi), Di Michele. A disposizione: Facchin, Armellino, Barillà, Bombagi. All. Dionigi

SPEZIA (4-2-3-1 ) Iacobucci; Madonna, Schiavi, Benedetti, Garofalo (46’ Pasini); Bovo, Porcari; Sansovini, Di Gennaro (80’ Lollo), Mario Rui; Okaka (46’ Pichlmann). All.Cagni. A disposizione: Russo,   Musacci, Piccini, Antenucci.

Arbitro: Ciampi di Roma

Ammoniti: Campagnacci, Okaka, Madonna, Freddi, Porcari, Di Michele.

Marcatori: 12’ Okaka, 47’Colucci.

Recupero: 1’, 2′.

Spettatori: 219 paganti, incasso 2.870 euro, 2890 abbonati  (quota abbonati 11.412,50 euro). Angoli 4-3.