Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, è già super Di Michele. Piegato 3-0 il Sion di Gattuso che grida: ‘Forza Calabria’

Reggina, è già super Di Michele. Piegato 3-0 il Sion di Gattuso che grida: ‘Forza Calabria’

gattuso_jack
di Pasquale De Marte – Ai suoi compagni di squadra aveva descritto la Calabria come la terra del sole e del caldo e non si sarebbe certo aspettato 

di trovare il freddo e la  pioggia quando ha proposto al presidente del Sion di fare il ritiro invernale a casa sua, a Schiavonea.

Per Rino Gattuso, però, tornare nella sua terra ha sempre un sapore particolare. E’ stato testimonial della regione che gli ha dato i natali, lo ha fatto per “zero lire” come intende sottolineare mettendo a tacere voci che non ha mai gradito.
Al suo fianco ha Simone Giacchetta, è andato a trovarlo durante la malattia e lo conosce, oltre che per la capacità di leader, anche per le imitazioni fatte da Pirlo.
“Nonostante sia cosentino i reggitani mi hanno sempre trattato bene” scherza Ringhio e rivela il rapporto diretto tra la sua scuola calcio di Corigliano e il settore giovanile della Reggina.
“Ho sempre avvertito il rispetto della gente qui”.  E anche nel corso dell’amichevole tra il suo Sion e la Reggina ci sono, per lui, gli applausi del Granillo.
Resta in campo un tempo, quello in cui gli ospiti, ai vertici della massima divisione svizzera,  resistono alla Reggina.
gattuso_jack

La formazione di Dionigi gioca con ordine, si difende e prova ad innescare l’intesa tra Di Michele e Campagnacci, che ancora, pur sembrando promettente, non appare al massimo.
Il neoacquisto fuga qualsiasi dubbio sull’età e dimostra di avere ancora la stoffa di un tempo, ma anche una certa brillantezza fisica nella ricerca costante dello scatto sul filo del fuorigioco, trovando però raramente le giuste assistenze dai compagni, a testimonianza di come il feeling calcistico debba crescere.
Nel 3-5-2 Bombagi viene provato davanti alla difesa, sulla destra c’è D’Alessandro e non Melara, fresco di cessione al Carpi.  Il campo è reso pesante dalla pioggia caduta sullo Stretto.
Tra i giocatori impiegati non figura Rizzo, che è già pronto per spiccare il volo verso Pescara. A Reggio arriverà Giuseppe Colucci, a dare qualità ed esperienza ad un organico rafforzato anche dall’innesto di Antonazzo, non ancora al massimo della condizione e preservato.
Finisce 3-0 per gli amaranto. Le firme sono di David Di Michele, abile a trafiggere al volo l’estremo difensore elvetico, su cross di Armellino da destra.
Il raddoppio è di Fischnaller, entrato da pochi minuti, che si guadagna e realizza con freddezza un rigore, prima di lasciare la scena a Bombagi, autore di un gol di pregevole fattura.
L’ex trequartista del Piacenza salta un uomo in area e di sinistro trova l’incrocio dei pali più lontano.
Si chiude, dunque, con una sconfitta la giornata del Sion a Reggio che ha visitato il centro sportivo e pranzato al S.Agata, ma Gattuso è soddisfatto lo stesso.
“Sapevo che ci avrebbero accolti alla grande, non avevo dubbi” chiosa il centrocampista e, stuzzicato da qualche domanda aggiunge: “Io da calciatore in Calabria? Non credo, la mia carriera è quasi al capolinea”.
E il saluto al pubblico del Granillo, con il microfono in mano, è piuttosto eloquente: “Forza Calabria”.

REGGINA-SION 3-0, IL TABELLINO

REGGINA (3-5-2): Baiocco (1’st Facchin); Adejo, Freddi (15’st Bergamelli), Lucioni (15’st Di Bari), D’Alessandro (33’st Viola), Armellino (26’st Giannattasio), Barillà (15’st Hetemaj), Rizzato, Bombagi (33’st Sarno), Di Michele (15’st Fischnaller), Campagnacci (15’st Comi). Allenatore: Dionigi.

SION (4-4-2): Vanins (33’st Deana);Vanczak,Lottici,Dingsdag, Marques (20’st Melo); Wuthrich (10’st Karlen), Gattuso (1’st Fernandes), Basha (35’st Darragi), Crettenand; Itaperuna (17’st Mrdja), Ndjen. A disposizione: Joaquim, Adailton, Fickentscher, Margairaz, Zambrella, Buhler, Lafferty, Elmer, Lacroix, Yoda, Sauthier. Allenatore: Munoz.

Arbitro: Catona di Reggio Calabria (Ieracitano e Turiano di Reggio Calabria)

Marcatori: 57” Di Michele, 67′ rig.. Fischnaller, 72′ ‘ Bombagi


Nessun ammonito. Recupero 0’pt e 5’st.