Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Dionigi si gode Di Michele e avrà Colucci: “Ora i punti’. Salutano Reggio Melara e Rizzo

Reggina, Dionigi si gode Di Michele e avrà Colucci: “Ora i punti’. Salutano Reggio Melara e Rizzo

dionigi_2012
Non è ancora ufficiale, ma poco ci manca. Giuseppe Colucci è un calciatore della Reggina, il Pescara avrà Rizzo e dovrà sborsare un conguaglio di

circa  mezzo milione di euro per assicurarsi la compartecipazione sul cartellino del centrocampista messinese, che non ha preso parte all’amichevole con il Sion.

Fabrizio Melara, invece, va al Carpi in prestito con diritto di riscatto.
Porte girevoli, dunque, in casa amaranto, dove è arrivato anche l’esterno destro Antonazzo dal Grosseto.
Al termine della sfida con la squadra di Gattuso, Davide Dionigi è intervenuto in conferenza stampa soffermandosi su tanti argomenti, mercato compreso.
COLUCCI E BOMBAGI– “Se dovesse arrivare avremo più esperienza, insieme a Di Michele ci darà la possibilità di far crescere i giovani. Saremo una delle squadre che ha cambiato meno, ma ci serviva qualche calciatore maturo a cui poter dar palla nei momenti chiave. Questo fa stare più tranquillo me, ma soprattutto i ragazzi che hanno retto la pressione nel girone d’andata.  Oggi, ad esempio, ho provato Bombagi in mezzo al campo,  ha qualità e può giocar lì, anche se ha fatto gol da mezz’ala. Può migliorare”.
DI MICEHLE – “Dobbiamo sfruttare i suoi movimenti di attacco alla profondità, quando manovriamo avremo le due punte più vicine.  Con il passare delle partite troveremo il giusto feeling tra lui e la squadra”.
TNAS -“Non è un grado di giudizio in cui sono fortunato, non tolsero neanche un punto nemmeno al Taranto l’anno scorso. La sentenza l’ho presa male, ma un punto è meglio che niente”.
PRESTAZIONE CONTRO IL SION – “Stiamo cambiando la fisionomia del 3-5-2 che avevamo visto a dicembre, volevo vedere come procedeva il lavoro tattico.  Mi pare che ci siamo mossi bene e sono emersi buoni sincronismi. Adesso l’obiettivo sarà portare punti a  casa”.