Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B – Reggina-Crotone, le parole dei protagonisti

Calcio, Serie B – Reggina-Crotone, le parole dei protagonisti

FABIO LUCIONI (DIFENSORE REGGINA)
“Se analizziamo bene la partita gli abbiamo concessolo solo due tiri in porta. Quello del gol e il palo alla fine. E’ un peccato non essere tornati alla vittoria.  Non ci sono titolari in questa squadra, il mister lo ripete sempre e non penso di essermi guadagnato un posto nell’undici. A Brescia andiamo con voglia di fare bottino pieno, poi non è detto che succeda, perchè ci sono anche gli avversari”.
DAVIDE DIONIGI (ALLENATORE REGGINA)
“Siamo entrati male psicologicamente nella partita, si attaccava male e si difendeva bassi. Nel secondo tempo siamo entrati più incazzati, passatemi il termine, e vogliosi di dimostrare il nostro valore. E’ anche vero che il primo tiro all’incrocio dei pali ci fanno gol, al secondo rischiamo di prendere gol al 94′ .   Dobiamo elimare certe nostre pause.Adesso prepariamo la partita contro il Brescia, vediamo che modulo adotteranno e poi giocheremo con la mentalità che sarà più giusta.   Lo striscione (La Curva con la squadra sotto 1-0 ha esposto uno striscione con scritto ‘Dionigi non si tocca’) mi ha fatto enormente piacere, questo significa che i tifosi hanno capito il nostro progetto e che i ragazzi danno sempre tutto in campo. Sul rigore? Penso non ci sia niente da dire”.
GIANMARIO COMI (ATTACCANTE REGGINA)
“Nel primo tempo abbiamo fatto una bruttissima partita, bisogna ripartire dal secondo. Le nostre pause sono un problema mentale. Gol su azione? L’importante è fare gol, alla fine ho avuto la palla per fare il 2-1 ed è il mio rammarico per stasera, ma il portiere ha fatto una grande parata”.
MASSIMO DRAGO (ALLENATORE CROTONE)
“Abbiamo fatto un grandissimo primo tempo in cui meritavamo di chiuderla la partita. Nel scondo tempo non abbiamo capito che coi lanci lunghi non andiamo da nessuna parte. Nella ripresa ci sono i meriti della Reggina che è rientrata al meglio nella gara. Noi, col vento a favore, dovevamo fraseggiare di più, invece abbiamo smesso di usare le catene sugli esterni. E’ sempre importante muovere la classifica. Penso che Crotone e Reggina avranno la forza per tirarsi fuori da questa stiuazione” .