Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B – Reggina-Crotone, le pagelle di Strill.it

Calcio, Serie B – Reggina-Crotone, le pagelle di Strill.it

di Danilo Santoro – BAIOCCO 6 – Incolpevole sul gol, De Giorgio trova il tiro della domenica con una parabola imparabile. Nelle altre occasioni si fa trovare pronto. Ordinaria amministrazione.

 

ADEJO 6 – Causa infortunio disputa un solo tempo ma, su una ripartenza di Gabbionetta uno contro zero riesce a rimontare e, con l’aiuto di Rizzato, scongiura il peggio.

Dal 44′ BERGAMELLI 5,5 – Subentra praticamente ad inizio ripresa e sostituisce degnamente Adejo chiudendo le incursioni crotonesi e proponendosi anche in zona offensiva.

LUCIONI 6 – L’eroe del Bentegodi si guadagna una maglia da titolare e non tradisce le attese. Si muove bene argina efficacemente le iniziative degli avanti del Crotone.

FREDDI 6 – Seconda gara da titolare dopo l’impegno di Coppa Italia. La condizione fisica non è ancora quella ottimale e si vede. C’è bisogno di altro tempo per recuperare la forma.

RIZZATO 5,5 – Gli esterni soffrono la pressione crotonese ed il capitano non è esente da colpe. Non è certamente il miglior Rizzato della stagione anche se si impegna molto come al solito e da l’anima in campo.

ARMELLINO 5,5 – Corre e si impegna molto, come sempre, ma soffre forse l’assenza di un altro interditore accanto come Hetemaj e accollandosi praticamente il peso del centrocampo.

BARILLÀ 6 – Il nativo di Catona torna al suo ruolo originario della stagione, in mezzo al campo, lasciando l’esterno sinistro a capitan Rizzato. Si propone bene svariando su tutto il fronte offensivo con buoni risultati.

MELARA 5 – Forse il peggiore degli amaranto. Resta troppo basso e non gli riesce nulla. Cerca qualche affondo dei suoi ma non porta a niente, in difesa la musica non cambia e appare parecchio in difficoltà.

Dal 69′ RIZZO 5,5 – Subentra per dare quantità al centrocampo ma non è lo stesso Rizzo delle scorse stagioni. È come se si fosse rotto qualcosa perché il centrocampista messinese che un tempo dettava legge a centrocampo è un lontano ricordo.

SARNO 5,5 – È l’uomo con più talento e gara dopo gara cerca di dimostrarlo. Nella gara odierna però non riesce ad incidere come vorrebbe e le sue azioni si perdono nel vuoto. Nonostante tutto è un elemento da cui non si può prescindere.

Dall’84’ FISCHNALLER sv

CERAVOLO 6 – Svaria su tutto il fronte offensivo e si rende pericoloso in più di un occasione. Si procura il rigore che regala il pareggio alla Reggina.

COMI 6,5 – Verrebbe da dire e segna sempre lui. Il giovane centravanti scuola Milan ha trovato la sua dimensione risultando decisivo gara dopo gara. Nel primo tempo non incide molto come tutta la squadra ma nella ripresa si riscatta siglando il gol del pareggio.

DIONIGI 5,5 – Come Sassuolo una Reggina a due facce. Nel primo tempo comanda il Crotone che, oltre il vantaggio, mette in seria difficoltà la squadra amaranto che non riesce a reagire. Gli ospiti bloccano gli esterni, le fonti del gioco di Dionigi e la manovra ne risente. Nel secondo tempo cambia l’intensità e l’aggressività della squadra che riesce con caparbietà a giungere al pareggio. La prestazione resta comunque non sufficiente. Iniziano a diventare troppi i punti persi fra le mura amiche.