Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B – Juve Stabia – Reggina, le parole dei protagonisti

Calcio, Serie B – Juve Stabia – Reggina, le parole dei protagonisti

DIONIGI (ALLENATORE REGGINA)
“Nella ripresa ci siamo abbassati troppo, prendendo gol al primo tiro in porta della Juve Stabia, che era arrivata a tirare in porta soltanto da

fuori area e cogliendo la traversa. C’erano per loro le espulsioni di Erpen e Gorzegno, Armellino davanti alla porta era in posizione regolare, sul loro gol c’era un uomo in posizione irregolare sulla linea. Ci poteva stare che soffrissimo un pò nella ripresa, la squadra ha tenuto botta anche con l’ambiente. Sarno e Ceravolo fuori? Ho preparato la partita così e paradossalmente abbiamo giocato meglio senza di loro, quando sono entrati loro due non abbiamo trovato spazi. Il punto avrebbe cambiato poco, ma sicuramente avrebbe dato continuità ai risultati positivi. Di Bari ha tamponato molto bene il loro miglior talento Acosty, dall’altro lato avevamo la spinta di Melara.  In dodici paritte sono arrivate troppe sconfitte, ma le ultime sono immeritate, dobbiamo riuscire a fare qualche gol in più”.
LUCIONI (DIFENSORE REGGINA)
“La paritta era stata preparata bene, in questo campo non è facile portare via dei punti, purtroppo non c’è andata bene anche se avevamo l’intento di farlo. C’è il rammarico, perchè gli episodi non sono stati favorevoli e torniamo a casa a mani vuote, avessimo fatto gol nel primo tempo su quel fuorigioco molto dubbio che voglio rivedere. Sul loro  gol vorrei rivedere se ci fosse fuorigioco o meno. Dopo tanta inattivià ho risposto bene fisicamente, anche se un campo sintetico come questo. Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo, concedendogli i metri in più per schiacciarci nella nostra metà campo, forse pensavamo che un punto potesse essere oro dopo la vittoria contro l’Ascoli”.
BAIOCCO (PORTIERE REGGINA)
“Le grandi parate prima del gol ? Per tutta la partita, traversa a parte, non ho fatto nulla escludendo qualche uscita.  Sulla respinta si poteva fare meglio, bisogna sempre pensare così, forse si poteva chiudere ma il campo era scivoloso.  Cerco di migliorare partita dopo partita, soprattutto sulle uscite alte dove inizialmente ho mostrato qualche titubanza di troppo. Siamo convinti di aver fatto una buona partita, la gara è stata decisa degli episodi. Siamo consapevoli delle nostre possibilità e non c’è scoramento tra noi”.
BRAGLIA (ALLENATORE SASSUOLO)
“La nostra vittoria è meritata perchè l’abbiamo voluta, la Reggina è venuta qui per pareggiare, non concedendoci mai la profondità, cambiando anche assetto.  Gorzegno doveva essere espulso? Forse si, ci poteva stare la doppia ammonizione, ma noi veniamo da un arbitraggio negativo subito. Noi allenatori dovremmo parlare meno”.