Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Dionigi: ‘Contro l’Ascoli cerchiamo i tre punti. Voglio rivedere l’aggressività di Cesena”

Reggina, Dionigi: ‘Contro l’Ascoli cerchiamo i tre punti. Voglio rivedere l’aggressività di Cesena”

dionigi2012_2
Undicesimo turno del campionato. Con il primo troncone di torneo alle spalle la Reggina è determinata a risollevarsi dai bassifondi della classifica che, complice anche la penalizzazione, occupa

stabilmente da qualche settimana.
Al Granillo domani arriva l’Ascoli, un avversario non facile. Lo sa bene Davide Dionigi che, nella consueta conferenza stampa pre-gara, ha toccato vari argomenti.
NECESSITA‘ – “Ci servono i tre punti. Voglio rivedere l’aggressività di Cesena, dove abbiamo imposto il nostro gioco.   Il 3-4-1-2 e il 3-4-3 erano la nostra idea iniziale, quando i risultati non sono venuti è stato giusto cambiare . Non l’avevamo messo da parte quel concetto di gioco e lo stesso vale per il 3-5-2 che potrà essere riproposto in futuro.  La squadra sta maturando nella compattezza dei raparti. L’unica certezza è che giochiamo anche discretamente bene, serve però maggiore decisione e qualche episodio favorevole”.
ASSENZE E INFORTUNATI – “Non ci sarà Rizzato, Di Bari che può giocare lì è squalificato, dunque quel ruolo possono farlo Barillà e Bergamelli.  Lucioni verrà in panchina, Freddi non ha ritmo e non è stato ancora convocato. Campagnacci andrà in campo con la Primavera “.
TREQUARTISTA  E ATTACCO – “Tengo tutti sulla corda, devo valutare.  Al fianco di Ceravolo giocherà uno tra Fischnaller o Comi. Gianmario deve crescere, lo sa anche lui, e lo sta facendo nel modo giusto con la cattiveria agonistica che serve.  Cambia tantissimo dalla Primavera al professionismo.  Fischnaller è sempre andato sempre vicino al gol non trovandolo e questo mi dispiace perchè la rete gli avrebbe dato amggiore fiducia. Alessio Viola è un buon giocatore e ci tornerà utile”.
L’AVVERSARIO – “L’Ascoli è la tipica squadra di B che non molla mai. Il match si giocherà sull’agonismo, sulla rabbia, sulla cattiveria e noi dobbiamo essere bravi a confrontarci su questo piano”.