Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B: Reggina-Novara 1-0, Ely regala tre punti agli amaranto

Calcio, Serie B: Reggina-Novara 1-0, Ely regala tre punti agli amaranto

esultanzaregginasottolacurvaa
di Pasquale De Marte – La Reggina ritrova la vittoria e scaccia i fantasmi della crisi. A cadere al Granillo è il Novara, che forse non avrebbe meritato

il ko,  ma alla lunga ha prevalso la squadra che ha voluto maggiormente prendersi la posta in palio.

Una prova non perfetta quella  della formazione di Dionigi, che ha saputo resistere nei momenti difficili, riscuotendo, nella ripresa, qualche credito pendente con la fortuna, assente ingiustificata in questo primo scorcio di campionato dei giovani amaranto.
Niente calcio spettacolo, niente attacchi arrembanti, niente idee rivoluzionarie di calcio.  Gli amaranto aspettano, si difendono con ordine e capitalizzano al massimo gli episodi favorevoli.
IN CAMPO – La Reggina, da subito, in campo si presenta molto prudente.  Hetemaj agisce davanti alla difesa nel 5-3-2.  Gran parte dei meccanismi offensivi ruotano attorno alla capacità di Ceravolo e Fischnaller di viaggiare veloce in contropiede e a qualche discesa di Rizzato sulla sinistra.
Sedici mesi dopo la semifinale playoff vinta con la prodezza di Rigoni, il Novara si ripresenta al Granillo cambiato negli uomini, ma non nella filosofia tattica.
La forza è sempre nellla capacità del gioco piemontese di lanciare in profondità l’inarrestabile Gonzalez, tornato alla base dopo le esperienze a Palermo e Siena.
E, nel primo tempo, in una gara equilibrata  sotto il profilo della tenuta del campo, sono solo gli ospiti ad avere nitide occasioni per andare in vantaggio.
La prima è proprio per l’attaccante argentino che, sfruttando un break a centrocampo, supera l’ultimo uomo Ely e si fa ipnotizzare da Baiocco sul più bello.
Dal portiere reggino, dopo qualche passaggio a vuoto nelle settimane passate, arrivano risposte incoraggianti con un’ulteriore parata su insidioso tiro-cross  di Piovaccari e con una serie di interventi in sicurezza sui tentativi avversari di attacco alla porta.
LA SVOLTA – Dionigi perde D’Alessandro per una violenta pallonata, ma in avvio di ripresa vede la gara cambiare.   Rizzo lancia Ceravolo in profondità, Ludi lo atterra al limite e si becca il rosso per chiara occasione da rete.  Il diciannovenne italobrasiliano Ely batte la punizione e scarica un bolide che si insacca alle spalle di Bardi, tradito da una deviazione.
Con un uomo in meno e una rete da recuperare il Novara si espone alle ripartenze avversarie, ma la Reggina non esprime concretezza sprecando un contropiede “due contro uno” iniziato da Ceravolo e vanificato da uno stop sbagliato di Fischnaller, poi  trovando la miracolosa opposizione di Bastrini su una conclusione a botta sicura di Rizzo da pochi passi.
Con il novantesimo che si avvicina la ricerca del pari si fa affannosa per il Novara, i nervi saltano e nel recupero fioccano cartellini gialli con tanto di doppia ammonizione per Lazzari.
La Reggina mantiene senza troppe difficoltà il vantaggio e porta casa tre punti importantissimi.
REGGINA-NOVARA, IL TABELLINO
REGGINA (5-3-2): Baiocco; Adejo, Ely, Di Bari; D’Alessandro (41’Melara), Rizzo, Hetemaj, Barillà, Rizzato; Ceravolo , Fischnaller (60′ Sarno). A disposizione: Facchin, Bergamelli, Castiglia, Bombagi. All. Dionigi
NOVARA (4-3-1-2): Bardi; Del Prete, Lisuzzo, Ludi, Bastrini; Barusso, Buzzegoli (64′ Lazzari), Marianini (77′ Faragò); Motta (51′ Ghiringhelli); Gonzalez, Piovaccari.  A disposizione: Kosicky, Perticone, Rubino, Baclet. All. Tesser.
Arbitro: Cervellera di Taranto.
Ammoniti: Barillà. Barusso, Marianini, Lazzari, Rizzo, Di Bari.
Espulsi: Ludi, Lazzari.
Recupero: 3′  e 4′.
Note: 277 spettatori paganti, 2777 spettatori abbonati.  3940 euro di incasso bigletti, 20032 euro di quota abbonati.